Axel Springer deve ancora una volta pagare a Jörg Kachelmann un risarcimento per dolore e sofferenza

Dopo la sua assoluzione dall'accusa di stupro, il presentatore meteorologico svizzero Kachelmann è andato in tribunale a causa delle notizie dei media in cui ha visto i suoi diritti personali violati. Una sentenza contro Springer è ora diventata legalmente vincolante: la società dei media deve pagare di nuovo.

axelspringerkachelmann

La società tedesca di media Axel Springer (Immagine) deve ancora una volta pagare all'imprenditore meteorologico Jörg Kachelmann i danni per dolore e sofferenza. La Corte suprema federale (BGH) ha respinto un ricorso della società. Aveva obiettato che non era stato ammesso un appello contro una sentenza del tribunale regionale superiore di Colonia (OLG) del 2016. La decisione dell'OLG è ora legalmente vincolante.

Springer deve pagare al 60enne 170.000 euro di risarcimento. Compresi i danni e gli interessi dall'agosto 2010, l'importo è di circa 236.000 euro, ha detto giovedì l'avvocato di Kachelmann, Ralf Höcker. Prima, la rivista NDR "Zapp" aveva riferito.

Springer ha dichiarato su richiesta che prende atto con rammarico della decisione dei giudici di Karlsruhe. "Nella misura in cui il nostro reclamo di non ammissione è stato respinto, riteniamo che la decisione sia sbagliata e non adeguata all'importanza della libertà di segnalazione protetta dai diritti fondamentali. Pertanto, stiamo esaminando la possibilità di una denuncia costituzionale". Secondo un portavoce dell'OLG, questo non avrebbe un effetto sospensivo.

La decisione del BGH del 23 luglio 2018 riguardava le pubblicazioni nell'edizione online del Immagine-giornale. Solo per quanto riguarda un importo di 10.000 euro per una foto di Kachelmann davanti a uno studio legale, il BGH ha permesso un ricorso.

Diritti personali "gravemente violati

Kachelmann è stato assolto dalle accuse di stupro nel 2011. Nella copertura del suo processo, il Immagine-Secondo l'opinione dei giudici di Colonia, il giornale ha ripetutamente violato gravemente i diritti della personalità di Kachelmann sia nell'edizione stampata che in quella online. La Corte Regionale Superiore non ha ammesso un appello contro la decisione. Per quanto riguarda l'edizione cartacea, il BGH aveva già respinto il ricorso di Springer contro la non ammissione in primavera. Nel procedimento, l'OLG aveva fissato il risarcimento a 215.000 euro.

Secondo Höcker, la somma dei danni per il dolore e la sofferenza compresi gli interessi per entrambi i procedimenti insieme è più di 530.000 euro. Springer non ha commentato gli importi specifici di denaro. Kachelmann ha scritto su Twitter: "Questo finisce il trattamento legale del 2010/2011 per me".

Il suo avvocato ha detto all'agenzia di stampa DPA che il suo cliente non è stato solo vittima di una falsa accusa, ma anche di una terribile campagna del Immagine-giornale. La somma di denaro non poteva compensare il danno subito. "Tuttavia, siamo felici di questo successo. (SDA)

(Visitato 20 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento