"Mi innamoro costantemente delle pubblicità"

David Lübke, direttore creativo di Publicis Zurich, risponde alle nostre "13 domande".

wewo_2021_01-02_14-15_P102144-1_LOW-2

1. cosa vorresti promuovere di più?

Lego. Non necessariamente perché è il compito più impegnativo: lo si può vedere ancora e ancora nelle campagne globali di successo, che i danesi non hanno certo commissionato, ma che sono state offerte in modo proattivo. Ma perché il Lego è la mia passione. Il mio appartamento ne è pieno.

 

2. Quale pubblicità dovrebbe essere vietata?

Un divieto sarebbe probabilmente eccessivo, ma ho sempre avuto molti problemi con i piccoli prestiti. Prendere di mira persone che non possono o non dovrebbero permettersi un prestito e poi liquidare qualsiasi preoccupazione morale o legale con le scritte in piccolo non fa per me.

 

3. vi innamorate della pubblicità?

Costante. Lo noto sempre quando devo decidere tra un originale e il suo generico. La qualità, anche solo la sua percezione, è semplicemente ciò che mi attrae. E non importa quale prodotto o servizio sia.

 

4 Qual è la posizione dell'industria pubblicitaria svizzera nel confronto internazionale?

Da qualche parte nel centrocampo anteriore. Il fatto che non posso dire che siamo al top ha a che fare con le nostre dimensioni - i budget e i contratti veramente grandi vengono raramente da noi - e anche con la riserva svizzera e la nostra propensione all'understatement. Pensare un po' più in grande a volte farebbe bene a tutta l'industria.

 

Ha mai pensato di lasciare il settore della pubblicità?

Chi non lo fa? Ma tutti noi soffriamo della sindrome di Stoccolma nell'industria e ci piace recitare il ruolo dello sbocciato sotto stress. Ecco perché probabilmente resterò per un po'.

 

6. Come si fa a sapere che un'idea è buona?

Quando tutti quelli che li ascoltano dicono giustamente: "Certo, che altro?". Le grandi idee sono di solito abbastanza semplici che, in retrospettiva, non si vede nemmeno un'altra possibilità perché sembrano completamente ovvie. Naturalmente, queste idee non sono sempre comuni, quindi è ancora più bello quando le scopri.

 

Cosa ne pensate dei media di proprietà?

Fatti bene, questi possono essere canali incredibilmente preziosi. Tuttavia, i media di proprietà non dovrebbero essere un semplice megafono. Molte aziende e organizzazioni usano i loro canali per una comunicazione a senso unico - e di solito ci pensano troppo. La maggior parte dei marchi dovrebbe usare questi canali per aggiungere un'altra sfaccettatura alla loro percezione pubblica che arrivi bene e in modo ravvicinato, e non semplicemente come un altoparlante supplementare per la comunicazione aziendale che avviene comunque.

 

8. una parola d'ordine che vi dà sui nervi?

Non è una parola d'ordine in sé, ma "strizza l'occhio". Una parola multiuso che negli ultimi anni ha perso ogni significato e che oggi è praticamente sinonimo di tutto ciò che riguarda l'umorismo di qualsiasi tipo.

 

9 Che ruolo hanno i premi nell'industria pubblicitaria?

In sostanza, i premi sono un buon aiuto per l'orientamento dei potenziali clienti. Le agenzie che vincono molto all'ADC, alla BoSW, ai premi internazionali, ma naturalmente anche agli Effie, entrano più rapidamente nel "set rilevante". Naturalmente, i premi prestigiosi sono anche occasioni gradite per aumentare l'ego: A chi non piace quando i colleghi professionisti apprezzano o addirittura ammirano il proprio lavoro?

 

10. Quale premio le piacerebbe vincere un giorno?

Mio padre ha sempre detto che non gli importava se avessi vinto prima un Leone di Cannes o un oro olimpico. Quindi l'oro olimpico è il prossimo obiettivo. Speriamo che il gioco sia presto uno sport olimpico.

 

11. Perché non vi conformate ai soliti cliché di un pubblicitario?

Porto la barba e guido una Vespa. Penso che la domanda sia superflua.

 

12. Quale film ha visto più spesso finora?

È una corsa annuale testa a testa tra tre trilogie: Indiana Jones, Ritorno al futuro e Die Hard. Classica roba da bambini degli anni '90.

 

13. Quale titolo di film descrive meglio la sua carriera finora?

Indipendentemente dal contenuto? "Serendipity".

David Luebke ...

... è direttore creativo presso Publicis Zurich. Ha scritto per la prima volta testi pubblicitari all'età di 16 anni, prima di lavorare come giornalista per vari giornali e riviste, per poi finire nella pubblicità qualche anno dopo. Da dieci anni scrive, concepisce e realizza grandi campagne per clienti nazionali e internazionali presso la Stadelhoferstrasse.

 

Questa intervista è apparsa per la prima volta in Werbewoche edizione cartacea 1-2/2021.

Altri articoli sull'argomento