"In Svizzera, molte agenzie sono ringiovanite troppo".

Samuel Textor, direttore creativo e partner dell'agenzia zurighese Freundliche Grüsse, affronta le nostre "13 domande".

samuel-textor

1. potresti scambiare il tuo smartphone con quello di qualcun altro per un giorno. Lo faresti? E se sì, con chi?
Donald Trump. Se potessi avere il suo account Twitter per un giorno, forse potrei salvare il mondo.

2. chi è stato il compagno di pranzo più divertente?
Signor Dünner. Un convinto ciclista cittadino, 88 anni all'epoca, con cui abbiamo fatto un film...
per la città di Zurigo. Ci ha invitato a prendere un canapè in un grande caffè giardino vicino al Triemli - il tempo sembrava essersi fermato lì. Ci siamo divertiti molto con un caffè sottile.

3. il miglior testimonial di sempre?
Del signor Dünner. Il regista Jonas Meier aveva fatto un bellissimo film su di lui con noi.

4. come fai a sapere che un'idea è buona?
Se volete farli immediatamente, non importa a che ora del giorno.

5. nomina una campagna che recentemente ha attirato la tua attenzione in modo positivo, ma non è la tua.
Proprio oggi ho visto una storia intelligente sui social media. "Check it before it's removed" di DDB Berlin per Pink Ribbon Germany. Qui giocano con il fatto che le foto di Facebook vengono immediatamente rimosse se contengono un seno femminile. Quindi bisogna reagire rapidamente.

6. una parola d'ordine che ti dà sui nervi?
Digitale. Per me, è ovvio che i nuovi media appartengono all'orchestrazione della campagna. Così chiaro che si spera che presto il digitale non sarà più necessario come posizionamento / demarcazione.

7. è vera l'opinione che non si può invecchiare nelle agenzie, o è un pregiudizio?
Digitalizzazione o no: in Svizzera, molte agenzie sono davvero troppo giovani. In altri paesi, questo mi sembra meno vero. In Inghilterra, per esempio, le persone con esperienza nelle agenzie sono molto rispettate anche in posizioni di lavoro inferiori. La mia esperienza ha dimostrato che i creativi classici spesso funzionano molto bene anche nei briefing online.

8. L'industria pubblicitaria riceve abbastanza apprezzamento per il suo lavoro?
Ci sono molte opere che non meritano alcun apprezzamento. D'altra parte, ci sono molte cose che portano un argomento importante nella conversazione o sono semplicemente buone. Quando guardo l'architettura, per esempio, devo anche dire: ci sono opere eccezionali, ma anche molte misere, per esempio quando guardo il nuovo Züri West dalla mia finestra. Ma l'architettura ha una reputazione molto migliore, ovviamente.

9. quale vede come la più grande sfida per la pubblicità in questo momento?
Per alcuni, i media veloci portano a una riduzione della qualità delle idee e della realizzazione. Naturalmente, questo non ha senso; soprattutto nei nuovi media, la qualità dovrebbe essere altrettanto importante che nei canali classici.

Che ruolo hanno i premi nell'industria pubblicitaria?
Un grande, naturalmente. Personalmente, trovo che la spinta dei premi, alcuni dei quali sono davvero gonfiati, dà certamente una spinta alle idee con intenzioni caritatevoli. Se sono fatti coscienziosamente, possono avere un effetto significativo.

11. di cosa ti penti?
Che non mi sono impegnato di più con le idee in alcuni casi. Con il cliente, internamente, nella difesa delle commissioni di premio, attraverso la preparazione incondizionata quando l'idea è passata. Ma qui aiuta anche avere sicurezza attraverso la posizione e l'esperienza, che prima bisogna avere.

12. Quale collega professionista porterebbe con sé su un'isola deserta?
Un programmatore della nostra agenzia. Calmo di persona. Geniale nell'esecuzione. Potrebbe al massimo programmare una tenda da sole.

13. cosa lavoreresti gratis?
Naturalmente, questo accade di continuo. Per organizzazioni con un impegno sociale o politico che, per esempio, lavorano per una società cosmopolita.

Samuel Textor è direttore creativo e fondatore di Freundliche Grüsse. In precedenza, ha lavorato come copywriter e direttore creativo in varie agenzie. Freundliche Grüsse è una nuova agenzia creativa full-service con sede a Zurigo e Berlino, con un nucleo digitale e un focus su
campagne integrate. Tra i clienti ci sono Allianz Suisse, Raiffeisen, Adidas, Sonova, Franke, Brack.ch. L'agenzia è stata fondata nel 2014 e ha già vinto diversi premi nazionali e internazionali in questo breve periodo.

Il "13 domande" appaiono sia online che nell'edizione cartacea di Werbewoche.

Attuazione 13 domande: Thomas Häusermann

(Visitato 42 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento