Passaggio a DABplus: il Consiglio federale sblocca ulteriori fondi

Tutti i fornitori di radio che trasmettono programmi attraverso il successore digitale DABplus prima del previsto spegnimento dei trasmettitori analogici FM alla fine del 2024 riceveranno sussidi dal governo federale nel 2023 e nel 2024. Il Consiglio federale ha sbloccato ulteriori fondi.

Tutte le stazioni radio, sia quelle autorizzate con e senza diritto a una quota della tassa di ricezione, sia quelle registrate, beneficeranno nuovamente di sovvenzioni. La decisione è stata presa dal Consiglio federale il 7 settembre, come riportato giovedì dall'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

Tuttavia, le sovvenzioni per la trasmissione digitale stanno gradualmente diminuendo. Dal 2016 al 2019, Bakom ha contribuito all'80% dei costi della trasmissione digitale. A partire dal 2020, ha ridotto i contributi, e di nuovo nel 2021.

Nel 2022, i programmi DABplus senza diritto al canone di ricezione non riceveranno più sovvenzioni per mancanza di fondi. I provider che hanno diritto al denaro proveniente dal canone di ricezione, invece, continuerebbero a ricevere il 40% dei costi per la trasmissione digitale. Nel 2023 riceveranno il 30% e nel 2024 il 20% di questi costi.

Tuttavia, poiché le stazioni radiofoniche stavano ancora subendo le conseguenze della pandemia, il Consiglio federale ha nuovamente sbloccato i fondi per la conversione al DABplus, scrive l'Ufficio federale delle comunicazioni. Nel 2023 e nel 2024, quindi, la Confederazione pagherà nuovamente sussidi del 30% alle stazioni radiofoniche private senza diritto a una quota del canone.

Nel 2023 riceveranno il 30% dei costi di trasmissione e nel 2024, secondo una stima preliminare, dovrebbero essere ancora il 20%. Tuttavia, si tratta di una cifra senza garanzie, ha dichiarato Bakom. Le domande di finanziamento per il 2023 saranno disponibili a partire da dicembre.

Alla fine del 2024, il finanziamento iniziale per la trasmissione via DABplus scadrà definitivamente. Alla fine di agosto 2021 l'industria radiofonica ha deciso di interrompere la trasmissione dei suoi programmi attraverso le frequenze FM l'ultimo giorno del 2024. Allo stesso tempo, termina il periodo di validità delle licenze radiofoniche FM. (sda.)

(Visitato 60 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento