Il Consiglio nazionale blocca il nuovo tentativo di promuovere i media

Ben tre mesi dopo il "no" dell'elettorato all'ampliamento della promozione dei media, il Consiglio nazionale non vuole un nuovo tentativo con un disegno di legge "leggero". La maggioranza del comitato preconsultivo avrebbe voluto implementare separatamente parti indiscusse del pacchetto di promozione dei media, ma non ha ottenuto la maggioranza.

MedienförderungIn particolare, avrebbe dovuto sostenere gli istituti di istruzione e formazione, le agenzie di stampa come Keystone-SDA e le organizzazioni di autoregolamentazione, nonché gli investimenti informatici. Inoltre, si sarebbe dovuta aumentare la quota di tasse a favore delle stazioni radiotelevisive private.

È quanto ha proposto la Commissione per i trasporti e le telecomunicazioni del Consiglio nazionale (KVF-N) con un'iniziativa parlamentare. Si trattava di ampliare misure già collaudate, ha dichiarato il relatore Philipp Kutter (al centro/ZH). Ma giovedì il Consiglio ha detto no a stretta maggioranza, con 92 voti favorevoli, 87 contrari e sei astensioni.

Il sostegno aggiuntivo del sistema dei media dalle tasse di ricezione aveva fallito alle urne a febbraio - come parte non controversa di un disegno di legge molto criticato. Avrebbe dovuto essere fino a 23 milioni di franchi in più rispetto agli attuali 5 milioni, tra l'altro per l'istruzione e la formazione, le agenzie di stampa come Keystone-SDA, i progetti informatici dei media e il Consiglio della stampa.

La minoranza guidata da Gregor Rutz (SVP/ZH) ha così prevalso. Molte ragioni hanno portato al rifiuto del finanziamento dei media, e soprattutto i giovani hanno votato no, ha detto Rutz. I media sono importanti per il funzionamento della democrazia, ma accettare i risultati delle votazioni è altrettanto importante in una democrazia.

Il portavoce Kutter ha sostenuto che la Commissione ha tenuto conto del "no" al referendum rinunciando ai punti controversi del pacchetto mediatico. L'analisi del governo federale sul finanziamento dei media prevista per il futuro non risolverà le divergenze politiche.

Con il no del Consiglio nazionale, l'iniziativa è fuori discussione. (SDA)

(Visitato 142 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento