Il Parlamento vuole rendere più facile prevenire le notizie impopolari dei media

Nella modernizzazione del codice di procedura civile, il Parlamento ha messo i primi paletti. Uno di questi riguarda gli articoli dei media impopolari: In futuro, potranno essere impediti più facilmente con un'ingiunzione superprovvisoria che oggi.

Con 183 voti contro 1 e due astensioni, il Consiglio nazionale ha approvato martedì 10 maggio 2022 la revisione del Codice di procedura civile svizzero. Il codice di procedura civile deve essere a misura di laico, ha detto Philipp Matthias Bregy (centro/VS) a nome della commissione affari legali. La Commissione era stata guidata da questo nelle sue proposte.

Richieste di correzione fallite

Sibel Arslan (Greens/BS) ha dichiarato che il contenzioso rimarrà inaccessibile per molte persone che cercano giustizia. La sinistra e anche la SVP volevano fare delle correzioni con mozioni di minoranza per ridurre ulteriormente i costi, ma sono stati sconfitti su tutta la linea.

Tuttavia, non erano tanto le nuove disposizioni ad essere oggetto di discussione, ma una disposizione sulle ingiunzioni superprovvisorie per impedire temporaneamente le notizie indesiderate dei media. Oggi, un tribunale può fermare un rapporto dei media se potrebbe causare uno svantaggio particolarmente grave per la parte che fa la richiesta.

Tuttavia, questo può essere ordinato solo se non c'è una giustificazione evidente e la misura non appare sproporzionata. Il Consiglio federale vuole specificare nell'articolo che la notizia dei media in questione può causare o sta causando uno svantaggio particolarmente grave.

Concentrarsi sulle persone colpite

Entrambi i consigli hanno cancellato la parola "speciale". Così, oltre agli altri criteri, un "grave svantaggio" è sufficiente come giustificazione per ordinare una misura precauzionale. Il Consiglio nazionale era d'accordo con il Consiglio degli Stati. I proponenti hanno sostenuto che sono in gioco gli interessi di coloro che sono colpiti dai rapporti.

Bregy si è difeso dall'accusa che la Commissione stava attaccando la libertà dei media. Non c'è alcun diritto di distruggere i mezzi di sussistenza con storie sensazionali, ha detto Judith Bellaiche (GLP/ZH).

I rosso-verdi avrebbero voluto rimanere in linea con il Consiglio federale, ma sono stati sconfitti per 81 voti a 99. Raphaël Mahaim (Verdi/VD) e Min Li Marti (SP/ZH) hanno parlato di un attacco alla libertà dei media. Il Consiglio ha anche respinto una mozione del PS per rimuovere il controverso articolo dal disegno di legge. (sda).

 

(Visitato 113 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento