Libertà di stampa: la Svizzera scende di quattro posti

La Svizzera è al 14° posto su 180 paesi nella classifica della libertà di stampa 2022 pubblicata da Reporter senza frontiere (Reporters sans frontières, RSF). L'anno precedente era ancora al 10° posto.

Ma l'indicatore economico utilizzato da RSF, che misura in particolare la diversità dei media, ha fortemente influenzato questo risultato. Anche l'ambiente legale ha mostrato delle lacune, e un clima di ostilità e intimidazione senza precedenti verso i media è emerso all'inizio della crisi Corona, in gran parte inedito fino ad allora, caratterizzato da violenza verbale e talvolta fisica contro i professionisti dei media.

Con questo 14° posto, la Svizzera è ora uno dei paesi in cui la situazione della libertà di stampa è valutata come "piuttosto buona", essendo stata nella top ten della classifica dal 2016. Ciononostante, la Svizzera rimane un paese sicuro per i professionisti dei media, dove l'ambiente politico rimane favorevole e assicura che possano lavorare liberi da pressioni del governo e dei partiti.

Al momento, però, il panorama mediatico svizzero rimane esposto, senza soluzione, agli sviluppi ampiamente documentati che avevano spinto il Consiglio federale e il Parlamento a proporre un aumento del finanziamento statale dei media con il "pacchetto di misure per i media": una riduzione inesorabile della diversità dei titoli e ricavi in costante calo. Il rifiuto del pacchetto media nel referendum del 13 febbraio lascia irrisolta la questione di come regolare a lungo termine una situazione il cui impatto sull'informazione dei cittadini e sulla qualità del dibattito pubblico - soprattutto a livello locale - è preoccupante. RSF Svizzera chiede alle autorità pubbliche, in particolare ai cantoni, di riaprire il dossier e di promuovere soluzioni durature per il paesaggio dei media.

Le debolezze sono evidenti anche nel quadro giuridico che si applica ai media in Svizzera. L'aumento delle "misure cautelari" di diritto civile richieste e spesso ottenute contro i media ha dimostrato che anche la Svizzera non è immune dalle cosiddette "procedure di imbavagliamento" volte a impedire pubblicazioni legittime di interesse generale. Il fatto che il Consiglio degli Stati l'anno scorso e la Commissione del Consiglio nazionale all'inizio di quest'anno abbiano deciso di inasprire queste misure contro i media senza uno studio serio che ne provasse la necessità, ha inviato un segnale sbagliato. Inoltre, il caso "Suisse Secrets" ha messo in evidenza la minaccia alla libertà d'informazione posta dalle disposizioni penali sul segreto bancario. Su questi due punti, RSF Svizzera ripete i suoi appelli al Parlamento affinché rispetti pienamente la libertà di stampa e adatti le leggi di conseguenza.

Nel contesto della crisi Corona, il 2021 è stato anche segnato dall'improvviso aumento delle aggressioni verbali e, in alcuni casi, fisiche contro i professionisti dei media, soprattutto durante le manifestazioni degli oppositori delle misure imposte dalle autorità per combattere la pandemia. La portata di queste intimidazioni e violenze ha anche sorpreso e preoccupato i professionisti dei media. La nostra organizzazione spera che questi atti spariscano con la fine della pandemia. Li ha sempre condannati e ha chiesto alle autorità di perseguire e condannare prontamente e severamente i colpevoli.

La Norvegia (1°), la Danimarca (2°) e la Svezia (3°) occupano i primi tre posti della lista; in coda ci sono Iran (178°), Eritrea (179°) e Corea del Nord (180°).


I Reporters sans frontières hanno pubblicato l'intera classifica sul loro Sito web pubblicato.

(Visitato 228 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento