L'ampia alleanza dei media mette in guardia contro le restrizioni alla libertà di stampa

Un'ampia alleanza di media vede la libertà di stampa in Svizzera in pericolo. Chiede al Consiglio nazionale di non inasprire il codice di procedura civile nella sessione speciale, che prevede "misure contro i media". Questa revisione era stata proposta dal Consiglio degli Stati.

(Foto: Unsplash)Io

Un'alleanza storicamente ampia del settore dei media concorda sul fatto che la libertà di stampa in Svizzera è un bene particolarmente importante e particolarmente protetto, avverte l'Associazione svizzera dei media in occasione della Giornata internazionale della libertà di stampa il 3 maggio.

Tuttavia, questo bene è almeno parzialmente in pericolo. L'Alleanza chiede quindi al Consiglio nazionale di non inasprire il codice di procedura civile, articolo 266 "Misure contro i media", nella prossima sessione speciale del 10 maggio.

Il Consiglio degli Stati e le due commissioni giuridiche, RK-N e RK-S, propongono nella revisione del CCP all'art. 266 ("Misure contro i media") di abbassare massicciamente l'ostacolo per le misure cautelari contro le notizie dei media. Una violazione dei diritti attraverso un resoconto editoriale non deve più causare "uno svantaggio particolarmente grave", ma solo "un grave svantaggio" per permettere misure giudiziarie contro la pubblicazione.

Cancellare la parola "speciale" avrebbe un impatto enorme sulla pratica giudiziaria e quindi avrebbe gravi conseguenze negative per la libertà dei media costituzionalmente garantita in Svizzera. Alla fine, l'Alleanza ha scritto al Consiglio nazionale chiedendogli di seguire la minoranza, e quindi il Consiglio federale, sull'art. 266, lit. a.

Oggi, qualsiasi persona potrebbe chiedere in tribunale la non pubblicazione dei contributi editoriali se ne fosse direttamente colpita. Ciò richiede uno svantaggio qualificato perché i tribunali pronuncino una misura superprovvisoria. La formulazione esistente è deliberatamente scelta nell'attuale legislazione funzionante per proteggere la cronaca giornalistica da interferenze eccessive e sproporzionate.

 

La libertà dei media è un importante pilastro della democrazia

Ora, tali misure sarebbero facili da ottenere attraverso i tribunali. L'emendamento aprirebbe quindi le porte all'arresto avventato di ricerche impopolari e critiche. Questo riguarderebbe tutti i professionisti dei media in Svizzera. Questa minaccia alla libertà dei media sarebbe molto problematica e avrebbe anche conseguenze per la libertà di opinione e di espressione - riconosciuta anche dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo all'articolo 10 - come una pietra miliare della democrazia svizzera.

L'emendamento proposto dalla Commissione rompe un equilibrio che è stato elaborato molto attentamente a suo tempo da due gruppi successivi di esperti - e lo fa senza alcun esame da parte dell'amministrazione o degli esperti. Alla luce delle relazioni prevalenti in Svizzera, non c'è motivo di chiedere una tale restrizione della libertà dei media: La base legale esistente stabilisce già chiari limiti alle notizie dei media, e gli interessati possono difendersi. L'industria dei media ha anche meccanismi di autoregolamentazione funzionanti - come il Consiglio svizzero della stampa o la "Dichiarazione dei doveri e dei diritti dei giornalisti". (sda).

(Visitato 118 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento