Epifania 2022: Supino prevede un anno decisivo per la politica dei media

Il presidente degli editori Pietro Supino ha promosso il pacchetto media nel suo tradizionale discorso all'incontro dell'Epifania dell'Associazione degli editori. L'ha collegato al ruolo dei media nella pandemia.

Il presidente della VSM Pietro Supino durante il suo tradizionale discorso all'Epifania virtuale 2022, mercoledì mattina. (Screenshot: YouTube)

"Trovo notevole come abbiamo imparato ad affrontare la situazione straordinaria in corso", ha detto Supino. La riunione dell'Associazione svizzera degli editori di media VSM si è tenuta di nuovo mercoledì in modo virtuale. Lo stesso giorno a Berna, sia un comitato del Sì che uno del No hanno presentato i loro argomenti sulla legge sui media che sarà votata il 13 febbraio.

Pietro Supino, che presiede sia il VSM che il gruppo TX, ha collegato il disegno di legge al ruolo dei media nella pandemia. "Il contributo più importante che possiamo dare come industria è quello di informare in modo affidabile la popolazione su fatti e opinioni", ha detto. Inoltre, ha detto, i media hanno offerto classificazione e orientamento.

Il giornalismo indipendente è un prerequisito per una comunità democratica libera, che lo Stato non può creare da solo. Ma lo Stato - con il pacchetto dei media - può contribuire a creare buone condizioni quadro.

"Un buon compromesso"

Supino ha anche ripreso gli argomenti degli oppositori che temono che i media possano diventare dipendenti dalle sovvenzioni statali. Nel processo politico, il sussidio indiretto alla stampa - cioè la riduzione della consegna di giornali e riviste stampate - era stato integrato da ulteriori elementi. Nella promozione dei media online, è stata fatta attenzione "che l'indipendenza editoriale dei media sovvenzionati non sia compromessa".

La posizione della VSM è sempre stata quella di basare il finanziamento online sulle entrate del mercato dei lettori. "In questo modo, il pubblico decide chi riceve i finanziamenti e l'indipendenza editoriale dallo Stato è assicurata. Nel complesso, il pacchetto media è un "buon compromesso" che è di importanza esistenziale per l'industria.

Tuttavia, il pacchetto è limitato a sette anni. Pertanto, è importante introdurre un diritto di protezione delle prestazioni in Svizzera a medio e lungo termine. Nel mercato globale con piattaforme potenti, questo diritto dovrebbe garantire "che coloro che investono nel giornalismo siano protetti e compensati".

Fino al voto, il pacchetto media ha "priorità assoluta" per l'associazione, ha detto Supino. Dopo di che, farebbero una campagna per i diritti d'autore accessori. "In termini di politica dei media, il 2022 sarà un anno decisivo. (SDA)

(Visitato 177 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento