Radio e TV: Solothurn mette i freni per la nuova assegnazione

Il governo cantonale di Soletta chiede al governo federale uno stop provvisorio nella nuova distribuzione delle aree di copertura dei programmi radiofonici e televisivi privati. Questioni centrali come i criteri per la distribuzione delle aree e il denaro della tassa sono ancora aperte nel progetto di ordinanza.

Il consiglio del governo di Soletta si rammarica che non ci sia "quasi nessuna concorrenza giornalistica nella stampa, nella radio e nella TV" nel cantone di Soletta. (Immagine: Keystone/Gaetan Bally)

La revisione proposta è fondamentalmente un passo nella giusta direzione, secondo la dichiarazione all'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) pubblicata lunedì. Ha senso prevedere delle aree di copertura lungo i confini cantonali. Tuttavia, le frontiere cantonali ignorano la coesione delle regioni.

Il cantone di Soletta si trova qui in un "campo di tensione". Da un lato, secondo il consiglio di governo, una nuova licenza dovrebbe coprire tutto il cantone. Così, i distretti di Dorneck e Thierstein sarebbero anche contati come parte della zona di copertura "Soletta" e non come parte della zona di copertura di Basilea come previsto nella proposta.

Nessun denaro per le sovrapposizioni regionali

Allo stesso tempo, dovrebbero essere possibili delle sovrapposizioni, specialmente per il cantone di Soletta. Come esempio, il governo cita la regione Schwarzbubenland con la zona di Basilea o la parte occidentale del cantone tra Soletta e Grenchen con la regione di Bienne.

Nella bozza attuale, le stazioni radio private sono libere di trasmettere al di fuori dell'area di copertura. Tuttavia, non c'è denaro a loro disposizione dal governo federale per questo. Dal punto di vista del Cantone di Soletta, sarebbe auspicabile, secondo il comunicato, un'adeguata condivisione dei costi - a condizione che i requisiti giornalistici siano soddisfatti anche nella "zona di sovrapposizione".

Aspettare il risultato del referendum

Inoltre, la tempistica della consultazione sembra "scelta un po' goffamente", nota il consiglio di governo. Dal punto di vista del consiglio di governo, bisogna aspettare il prossimo voto sul referendum sulla legge sui media a febbraio. Solo allora il lavoro potrà continuare con un quadro chiaro.

In futuro, ci saranno più aree di copertura per le stazioni radio e TV locali in Svizzera - venti per la radio invece delle attuali dodici. In ogni area ci sarà un fornitore che ha un mandato di servizio pubblico e in cambio riceve denaro dal prelievo radiotelevisivo.

Al governo manca la concorrenza dei media

Nella sua dichiarazione al governo federale, il consiglio governativo ha anche espresso "alcune considerazioni fondamentali". In un sistema democratico che dipende dalla partecipazione attiva della popolazione alle decisioni e ai processi, è di grande importanza un panorama mediatico che sia il più vario possibile, con case mediatiche impegnate nel giornalismo di qualità. Questo è indispensabile per la formazione indipendente dell'opinione di ogni individuo e quindi per il funzionamento dello Stato.

Purtroppo, lo sviluppo degli ultimi anni sta andando in una direzione completamente diversa. Il numero di abbonati ai giornali è in costante calo, e le entrate dalla pubblicità stanno crollando. "I fogli di testa uniformi caratterizzano il paesaggio della stampa e le piattaforme online associate. Si risparmia anche nelle redazioni regionali, e c'è una crescente mancanza di risorse e di know-how: il giornalismo di qualità non è più garantito in ogni caso", scrive il consiglio di governo.

Lo stesso quadro può essere visto nelle stazioni radio private, che sono spesso integrate in grandi compagnie di media. "A causa della concentrazione nel mercato dei media, non c'è quasi nessuna concorrenza giornalistica, specialmente nel cantone di Soletta - per quanto riguarda i temi cantonali e regionali. Nel settore della stampa non c'è alcuna concorrenza. (SDA)

(Visitato 58 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento