L'espansione del finanziamento dei media rafforza la democrazia, dice Sommaruga

Il Consiglio federale e il Parlamento vogliono sostenere l'industria dei media in difficoltà con fino a 151 milioni di franchi all'anno. Se questo non viene fatto, la democrazia sarà indebolita, avverte il ministro dei media Simonetta Sommaruga in vista del voto referendario di febbraio.

Ausbau der Medienförderung stärkt laut Sommaruga die Demokratie
Il ministro dei media Simonetta Sommaruga alla conferenza stampa di giovedì. (Screenshot: Youtube.com)

Nella sessione estiva, il parlamento ha approvato varie misure di finanziamento diretto e indiretto. Poiché un referendum è stato depositato contro di loro, gli elettori avranno l'ultima parola il 13 febbraio 2022. Il ministro dei media Simonetta Sommaruga ha lanciato la campagna referendaria sul pacchetto media giovedì.

I giornali, la stampa dei membri e delle fondazioni, le stazioni radio e TV locali, i media online, la formazione dei media e le agenzie di notizie come Keystone-SDA beneficeranno del finanziamento. Il focus è sui media locali e regionali.

"Il pacchetto rafforza la diversità dei media in Svizzera", ha detto Sommaruga. Assicura che tutte le regioni del paese saranno coperte anche in futuro. Nessuna regione dovrebbe essere lasciata indietro".

"Lo sviluppo è preoccupante"

Grazie ai giornali locali, alle stazioni radio locali, alle stazioni televisive regionali e ai media locali online, la gente sa cosa sta succedendo nel proprio quartiere, ha sottolineato Sommaruga. I media locali contribuiscono alla formazione dell'opinione politica e rafforzano la coesione sociale.

Ma i media nazionali, specialmente quelli locali, sono sotto pressione: stanno perdendo entrate pubblicitarie a favore di piattaforme internazionali come Google e Facebook, e anche le entrate degli abbonamenti sono in calo. In pochi anni, più di settanta giornali sono scomparsi, ha detto Sommaruga. "Questo sviluppo è preoccupante.

Per evitare che altre testate scompaiano, che le stazioni radio vengano indebolite e che singole regioni non vengano più segnalate su internet, il Consiglio federale e il Parlamento vogliono ampliare le attuali misure di sostegno a favore dei media.

Focus sulle piccole e medie imprese

Da un lato c'è il sostegno indiretto: l'indennità di consegna, che la Confederazione concede attualmente ai giornali abbonati e alle riviste di club e associazioni, sarà aumentata da 50 milioni di franchi a 120 milioni. Più giornali devono essere inclusi e la consegna anticipata deve essere sostenuta. Questo permetterebbe agli editori nazionali di investire più soldi nel lavoro editoriale, ha detto Sommaruga.

Nuova è anche la promozione - diretta - dei media online svizzeri. Questa parte del pacchetto è stata molto controversa in parlamento. 30 milioni di franchi svizzeri all'anno devono essere messi a disposizione dei media online. Il contributo a un mezzo può ammontare al massimo al 60 per cento del fatturato ammissibile.

Secondo il Consiglio federale, le misure sono progettate in modo tale che le aziende più piccole possano beneficiare maggiormente. Questo rafforzerà la segnalazione nelle regioni rurali e nelle città più piccole, ha dichiarato Sommaruga.

Rispetto ad oggi, i fondi del prelievo radiotelevisivo per le radio locali private e le televisioni regionali saranno aumentati. Se 81 milioni di franchi saranno messi a disposizione per loro nel 2021, si arriverà a circa 109 milioni di franchi nel pacchetto media, come scrive l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

Nessuna influenza

Infine, fino a circa 28 milioni di franchi svizzeri dalle tasse di accoglienza dovrebbero essere disponibili per i servizi generali. Questo significa servizi di agenzia, organizzazioni di autoregolamentazione dell'industria, formazione e progetti informatici dei media elettronici. Per fare un confronto: nel 2021, 5 milioni di franchi saranno disponibili per le agenzie e la formazione.

Non ci saranno nuovi prelievi a causa della promozione supplementare, come scrive il Consiglio federale. I fino a 151 milioni di franchi per la promozione saranno finanziati attraverso il prelievo radiotelevisivo e i fondi federali. Gli sconti di consegna e le sovvenzioni per i media online sono limitati a sette anni.

Nel suo voto, la Sommaruga ha sottolineato che l'indipendenza delle redazioni sarà preservata con la legge. "I regolamenti sono concepiti in modo tale che le autorità non possano esercitare alcuna influenza.

Gli oppositori della legge la vedono diversamente. Dicono che è dannoso sostenere i media privati con fondi statali. Tra le altre cose, criticano che questo farebbe perdere loro credibilità. (SDA)

(Visitato 200 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento