VSM è unita dietro il pacchetto di finanziamento dei media

L'Associazione svizzera degli editori di media VSM è unita nel sostenere il pacchetto di promozione dei media approvato in parlamento. Come ha annunciato dopo l'assemblea generale annuale di venerdì, il pacchetto è urgente e necessario come contributo alla diversità dei media e delle opinioni.

L'intero comitato esecutivo della VSM è unito dietro il pacchetto media a nome dei suoi membri: Beat Lauber (Meier + Cie), Gilbert Bühler (Freiburger Nachrichten), Andrea Masüger (Somedia), Peter Wanner (CH Media), il presidente Pietro Supino (TX Group), Christof Nietlispach (Freiämter Regionalzeitungen) e Hanspeter Kellermüller della NZZ (da sinistra a destra).

Il pacchetto di misure in tre parti costituisce un importante investimento nella commerciabilità dei media privati, ha scritto la VSM. Inoltre, le sovvenzioni per le emittenti radiofoniche e televisive private verrebbero ampliate.

 

La prima parte del sussidio scorre già da anni, e l'aumento del contributo federale alla Posta per il recapito dei giornali assicura il loro approvvigionamento di informazioni stampate. Allo stesso tempo, si sta correggendo un errore di sistema nel senso che anche la consegna anticipata viene effettuata a tassi ridotti.

Secondo gli editori, la seconda parte con la promozione temporanea dei media online tiene conto della trasformazione digitale. La sfida principale è l'implementazione dei modelli di pagamento. L'Associazione degli editori sostiene l'orientamento del finanziamento verso il successo di mercato dei media online.

Competizione ineguale con gli internazionali

Secondo la VSM, la terza parte del pacchetto sostiene i media nella loro trasformazione. Nella concorrenza ineguale con le piattaforme internazionali, le sovvenzioni darebbero un contributo importante.

Il pacchetto di promozione dei media viene combattuto con un referendum. Secondo il comitato referendario, ha raccolto le 50.000 firme necessarie. Secondo le risoluzioni approvate dal parlamento nella sessione estiva, i media svizzeri saranno finanziati direttamente e indirettamente con 120 milioni di franchi in più rispetto a prima per sette anni. (SDA)

(Visitato 62 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento