Viene lanciato il referendum "No ai media finanziati dallo stato

Un referendum contro il pacchetto di misure a favore dei media è stato lanciato martedì dal comitato "No ai media finanziati dallo stato". Le sovvenzioni ai media approvate dal parlamento sono state descritte come inaccettabili secondo il diritto costituzionale, dannose per la politica statale e democratica e distorsive della concorrenza.

Nella sessione estiva, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno deciso che i media in Svizzera devono ricevere 120 milioni di franchi in più in finanziamenti diretti e indiretti su sette anni rispetto a prima. (Werbewoche.ch riportato).

Questa promozione mediatica è inutile, sbagliata e pericolosa per il comitato referendario, che ha presentato i suoi argomenti in una conferenza stampa a Berna martedì. "In gioco ci sono l'indipendenza e la credibilità dei media - e di ogni singolo giornalista", ha spiegato Philipp Gut, consulente di comunicazione ed editore e amministratore delegato del comitato referendario. Se lo Stato alimentasse i media, essi diventerebbero media di Stato.

Costituzionalmente inaccettabile

Come presidente del comitato referendario, l'ex consigliere nazionale del PLR Peter Weigelt di San Gallo ha dichiarato che le sovvenzioni ai media sono inaccettabili dal punto di vista del diritto costituzionale, dannose per la politica statale e democratica e discriminatorie per la politica della concorrenza. Questa sovvenzione diretta ai media era un tabù e una violazione costituzionale.

L'articolo 93 della Costituzione federale ha istituito un'emittente radiofonica e televisiva finanziata dallo Stato. Tuttavia, gli altri media non sono stati definiti nella Costituzione, né il popolo si è mai espresso sulla loro sovvenzione.

Weigelt ha descritto come particolarmente discutibile il fatto che i giornali liberi e i media online liberi siano deliberatamente esclusi dai sussidi. "In questo modo, lo stato sta cementando i monopoli mediatici esistenti a spese delle piccole offerte private e delle iniziative locali e regionali", ha detto Weigelt.

Danni ai giovani e alla democrazia

La giovane politica liberale Evelyn Motschi ha sottolineato che i giovani dipendono dall'ottenere informazioni gratuite. "La legge sui sussidi ai media può avere buone intenzioni, ma è controproducente. Danneggia i giovani e la democrazia", ha dichiarato lo studente di legge.

Se il pacchetto di misure a favore dei media venisse adottato, i media liberi online non riceverebbero un solo centesimo di sovvenzione, ha denunciato il giovane liberale friburghese Alec von Barnekow. D'altra parte, i loro concorrenti diretti riceverebbero generosi sussidi. Ma non è compito della politica o dello Stato favorire un modello piuttosto che un altro.

Weigelt ha sottolineato che il comitato referendario non ha finora cercato contatti con partiti, politici o associazioni e non ha mai partecipato attivamente al dibattito. L'obiettivo era quello di poter iniziare a raccogliere le firme su un ampio fronte contemporaneamente alla pubblicazione nella Gazzetta Federale. Nella fase di voto, però, il comitato referendario ha voluto aprirsi e cercare il contatto con i partiti e le associazioni. (SDA)

(Visitato 601 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento