Film protettivo della UFA-Revue nuovo con il 70 per cento di contenuto riciclato

UFA-Revue utilizza ora una pellicola protettiva con almeno il 70 per cento di contenuto riciclato. Questo fa risparmiare alla rivista di commercio agricolo 1,54 tonnellate di nuova plastica all'anno.

UR-70-%-Recyclingfolie

Thomas Keller, amministratore delegato di pmc AG (a sinistra) e Markus Röösli, direttore editoriale di UFA-Revue (a destra), presentano il numero di ottobre di UFA-Revue, confezionato in pellicola con il 70% di contenuto riciclato. (Foto: Hans Weber)

 

Insieme alla società di stampa PMC, un'azienda del gruppo Schellenberg, i responsabili della rivista UFA hanno trovato una variante più ecologica per il packaging. A partire dall'ultima edizione di ottobre, il film protettivo di UFA-Revue ha un contenuto riciclato di almeno il 70 per cento. Con questo passo, la rivista specializzata è uno dei primi titoli stampati in Svizzera con una percentuale così alta di plastica riciclata. Il titolo mensile, con una tiratura di oltre 72.000 copie, risparmia circa 1,54 tonnellate di nuova plastica all'anno, il che corrisponde a un risparmio di quasi cinque tonnellate di CO2. 

 

La plastica riciclata migliora l'ecobilancio

Riciclare la plastica è generalmente più ecologico e si usano meno materie prime come il petrolio. Questo conserva le risorse naturali e aiuta a risparmiare CO2. L'esperto di imballaggi Roland Hischier del Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa) di San Gallo lo conferma: "Più alto è il tasso di riciclaggio degli imballaggi di plastica, migliore è l'ecobilancio. Le buste di carta non sono un'alternativa, perché il loro ecobilancio è chiaramente peggiore a causa del loro peso significativamente maggiore.

Così il film protettivo rimane il numero uno per la spedizione sicura delle riviste in termini di manipolazione e di equilibrio ambientale. E con il contenuto di film di scarto del 70 per cento, ancora di più. "Il tema della sostenibilità è centrale per l'agricoltura e quindi anche importante dal punto di vista editoriale", dice Markus Röösli, direttore editoriale di UFA-Revue. "Aumentando il contenuto riciclato della pellicola protettiva, ora non ci limitiamo a riferire su argomenti sostenibili, ma diamo un contributo attivo alla conservazione delle risorse", continua Röösli. Inoltre, la pellicola è riciclabile al 100 per cento e può quindi rientrare nel ciclo della plastica.

 

Grande richiesta di soluzioni di imballaggio sostenibili

Il nuovo tipo di pellicola protettiva è stato introdotto in collaborazione con la società di stampa PMC. Thomas Keller, amministratore delegato della tipografia, nota un ripensamento generale tra i clienti. Il desiderio di soluzioni più sostenibili è sempre più un problema, dice. "Dopo il kick-off con l'UFA-Revue, passeremo completamente il nostro magazzino di film al film riciclato ECO con il 70 per cento di film di scarto riciclato e quindi useremo questo film come standard". In totale, questo farà risparmiare all'azienda grafica fino a 50 tonnellate di nuova plastica, il che equivale a un risparmio di fino a 160 tonnellate di CO2.

(Visitato 36 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento