Nessuna censura privata o statale nei media elettronici

In uno studio, Reporter senza frontiere sottolinea il pericolo della censura privata su internet. Il sostegno statale ai media è necessario. Ma lo Stato non dovrebbe abusarne per interferire con la libertà di espressione e la libertà dei media.

meinungsfreiheit

C'è una tentazione per le autorità di controllare il dibattito pubblico, ha scritto giovedì l'organizzazione a proposito dello studio. Il cliente è l'Ufficio federale delle comunicazioni (Bakom). Lo studio ha esaminato una possibile regolamentazione del dibattito online dal punto di vista del diritto svizzero.

Disinformazione, messaggi d'odio, tentativi di manipolazione da parte di bot e account falsi sono dilaganti su internet. Per un dibattito aperto, libero e diversificato, sono una sfida, come dice lo studio. Tuttavia, secondo l'autore, questa sfida può essere affrontata solo con il pieno rispetto della libertà di espressione e della libertà dei media.

Queste libertà devono essere protette, sia contro l'intervento dello Stato che contro le distorsioni delle piattaforme. È così che la diversità del dibattito pubblico può essere garantita.

 

Regolazione delicata

Lo studio ritiene che la regolamentazione diretta attraverso la legge, la politica di moderazione delle piattaforme o attraverso le regole d'uso sia difficile in vista dei diritti fondamentali. Spesso, equivarrebbe a dare ai giganti digitali il potere irragionevole di discriminare arbitrariamente l'espressione legale o presumibilmente illegale. Esercitano questa censura privata solo per limitare i rischi legali o di reputazione.

Secondo lo studio, la regolamentazione deve contrastare il pericolo della censura privata e astenersi da misure che prevedono il controllo dei contenuti. Questo è specialmente il caso quando l'illegalità del contenuto dipende dal contesto o da un bilanciamento di interessi.

Tra le misure esaminate, lo studio si è occupato in particolare della trasparenza degli algoritmi. Secondo le informazioni, questo è un prerequisito per l'auspicabile neutralità politica, ideologica e religiosa delle piattaforme. Inoltre, promuoverebbe il diritto a un'informazione affidabile in rete.

Questi sono anche gli obiettivi del Partenariato per l'informazione e la democrazia, che è stato avviato dal segretariato internazionale di Reporter senza frontiere e al quale la Svizzera ha aderito nel 2019 insieme a una trentina di Stati.

 

Divieto di bot e account falsi

Nel contesto dei referendum, mezzi come bot e account falsi non dovrebbero essere autorizzati ad essere usati, raccomanda l'organizzazione. Un divieto dovrebbe essere considerato se tecnicamente possibile. Secondo la legge già in vigore, le autorità sono obbligate a reagire e correggere i fatti se informazioni grossolanamente errate sono diffuse sulle reti.

Secondo lo studio, il sostegno del governo all'industria dei media nella trasformazione digitale è necessario. È così che si può proteggere il diritto del pubblico a un'informazione pertinente, diversificata e affidabile. Tuttavia, il sostegno deve rispettare pienamente la libertà editoriale e non deve influenzare il contenuto prodotto.(SDA)

(Visitato 20 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento