Tribunale amministrativo federale: la compensazione dell'imposta sul valore aggiunto Billag non è ammissibile

La compensazione dell'IVA erroneamente pagata sul canone di ricezione radiotelevisiva con una delle ultime fatture Billag sta costando cara a due privati. Il Tribunale amministrativo federale ha respinto le loro richieste. Ora, oltre alle bollette, devono pagare le spese di recupero crediti e le spese processuali.

billag-mahnng

Perché aspettare che i politici abbiano finalmente deciso come e in che misura l'IVA debba essere rimborsata, quando sarebbe presumibilmente molto più semplice compensare semplicemente i crediti reciproci?

Almeno due fedeli pagatori di tasse lo hanno fatto, come risulta da due sentenze del Tribunale amministrativo federale pubblicate giovedì. Hanno dedotto l'IVA che hanno pagato sulle spese di accoglienza dal 2010 in poi dall'importo che Billag ha addebitato loro.

Billag ha insistito sulle sue richieste e ha avviato una procedura di recupero crediti. I due denuncianti non hanno avuto successo nel loro ricorso al Tribunale amministrativo federale. Come hanno spiegato i giudici di San Gallo, la transazione non è ammissibile secondo il Codice delle obbligazioni svizzero.

Il Tribunale amministrativo federale ha quindi respinto entrambi i ricorsi e fissato le spese procedurali di 500 franchi per ogni caso. Le sentenze non sono ancora giuridicamente vincolanti e possono essere appellate al Tribunale federale. (SDA)

(Visitato 48 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento