Il governo argoviese è contrario a una maggiore autonomia per le radio locali

Il governo cantonale argoviese respinge il progetto del governo federale secondo cui le radio locali nelle aree urbane non dovrebbero più essere soggette a un obbligo di licenza con un mandato di prestazione a partire dal 2020.

radio-AG

Teme svantaggi per Radio Argovia nel cantone di Argovia e per Radio 32 nel cantone di Soletta. Liberare le stazioni radio negli agglomerati urbani dall'obbligo di possedere una licenza significherebbe effettivamente una liberalizzazione del mercato. Tuttavia, il passo avrebbe "pesanti svantaggi" per gli operatori commerciali in Argovia. Questo è ciò che scrive il consiglio governativo nella sua dichiarazione all'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM).

Se Radio Argovia e Radio 32 non avessero più bisogno di una licenza, sarebbero allo stesso tempo liberate dall'obbligo di fornire il servizio pubblico locale, regionale e cantonale. Il consiglio governativo teme "che questo possa portare a un indebolimento dell'informazione locale e regionale, e in particolare cantonale, a Radio Argovia e Radio 32".

Opportunità per i giovani cittadini

I programmi delle due radio locali offrirebbero almeno la possibilità di rivolgersi a una parte dei cittadini più giovani. Questo gruppo non poteva più essere raggiunto, per esempio, con il quotidiano politico, i cui lettori avevano in media più di 55 anni.

Nella sua dichiarazione, il consiglio di governo critica Bakom. Nel suo rapporto sul progetto di revisione dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), l'Ufficio federale ha riferito "che le stazioni radio commerciali come Radio Argovia e Radio 32 consisterebbero principalmente in brevi informazioni, servizi (bollettini meteorologici, rapporti stradali, consigli per uscire ecc.) e intrattenimento".

"Importante funzione di graffetta"

Tuttavia, secondo il consiglio governativo, le due emittenti riferiscono continuamente anche sugli eventi politici cantonali in Argovia. Radio Argovia svolge "un'importante funzione di formazione dell'identità". È una delle poche istituzioni private con trasmissione cantonale. Inoltre, Radio Argovia ospita uno dei più grandi eventi culturali del cantone, l'annuale "Argovia Fäsch". Per queste ragioni, il consiglio di governo non vuole cambiare la situazione attuale - licenza con mandato di prestazione - per il momento.

Le licenze esistenti delle emittenti dovrebbero essere estese fino allo spegnimento definitivo della FM nel 2024 o fino alla regolamentazione vincolante delle condizioni di trasmissione per il DAB+ (radio digitale).

Il servizio pubblico della SSR

Il Consiglio di Stato afferma nella sua dichiarazione che i media della SSR che operano sul territorio cantonale, insieme alle aziende di media private, forniscono un importante servizio pubblico. Appoggia le disposizioni che garantiscono alla SSR e ai fornitori privati di media la massima indipendenza e autonomia possibile. D'altra parte, le disposizioni devono favorire un reporting locale, regionale e cantonale qualitativamente convincente e quantitativamente diverso.

La proposta dell'Ufficio federale prevede che le stazioni radio locali negli agglomerati urbani potranno in futuro mettere insieme i loro programmi come vogliono. Le 21 stazioni che finora non hanno ricevuto denaro dal canone beneficeranno della nuova autonomia. Le precedenti aree di copertura devono essere abolite. (SDA)

(Visitato 46 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento