Il Consiglio federale non vuole abolire le stazioni radio di interesse speciale

Il Consiglio federale non vuole abolire le stazioni di interesse speciale come Radio Swiss Classic, Radio SRF Virus o Musikwelle. Respinge una mozione del Comitato delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (KVF) con questa richiesta.

bundeshaus-radio

Secondo la KVF, alcune stazioni radio non svolgono un vero e proprio mandato di servizio pubblico e dovrebbero quindi essere soppresse. I risparmi risultanti dovrebbero essere trasferiti a chi paga il canone.

Il Consiglio federale non condivide questa valutazione. In una società fortemente segmentata, una parte del pubblico può eventualmente essere raggiunta solo attraverso offerte specifiche, scrive nella sua dichiarazione pubblicata giovedì. Queste offerte svolgono quindi una funzione specifica all'interno del mandato di servizio pubblico.

Tuttavia, il Consiglio federale vuole rivedere la concessione di licenze per i programmi per gruppi target e di interesse speciale in relazione alla nuova legge sui media elettronici e all'adattamento dell'attuale licenza SRG. La SRG dovrebbe anche avere la possibilità in futuro di adattare il mandato di servizio pubblico alle mutevoli esigenze del pubblico.

Nessun contenuto aperto

Il Consiglio federale respinge anche un'altra mozione della KVF del settore dei media: questa vuole obbligare la SRG a mettere le proprie produzioni a disposizione dei media privati. In questo modo, vuole prevenire le distorsioni del mercato. Inoltre, vuole porre fine al trattamento preferenziale delle singole emittenti private. L'alleanza pubblicitaria con Ringier e Swisscom è una particolare spina nel fianco della KVF.

Il Consiglio federale, d'altra parte, accoglie con favore "nuove forme di cooperazione tra la SSR e altri fornitori di media", come afferma nel suo comunicato. A suo parere, la richiesta della mozione va troppo lontano. Ha anche dei dubbi sul fatto che questo rafforzerebbe il sistema dei media elettronici svizzeri. Inoltre, l'uso di contenuti SRG è già possibile in misura limitata.

Tuttavia, il Consiglio federale vuole attuare parzialmente un'altra mozione: la KVF chiede, tra le altre cose, che la "regola del 2 + 2" sia abolita. Questo vieta a una società di acquisire più di due licenze televisive e due licenze radiofoniche.

Secondo il Consiglio federale, le diverse forme di cooperazione tra gli organizzatori compromettono comunque l'effetto della regola. Inoltre, il meccanismo rigido impedisce alcuni sviluppi sensati, come dice il comunicato. Il Consiglio federale è quindi pronto ad attuare questo mandato.

Federalista difficile

Al contrario, il Consiglio federale respinge la richiesta della KVF di un allargamento delle aree di copertura giornalistica. A suo parere, questo porterebbe a una riduzione del numero di aree di copertura, che è delicato per ragioni federaliste, o a una maggiore sovrapposizione delle aree di copertura. La conseguenza sarebbe la concorrenza economica tra le stazioni televisive che ricevono una parte dei canoni. Per il Consiglio federale, questo si tradurrebbe in un aumento del costo della copertura giornalistica senza garantire entrate commerciali supplementari. (SDA)

(Visitato 35 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento