I giovani sono sempre più molestati sessualmente online

Quasi la metà dei giovani in un sondaggio ha detto di aver già ricevuto proposte sessuali indesiderate da uno sconosciuto online. Le ragazze ne sono particolarmente colpite. Inoltre, l'uso del telefono cellulare è aumentato notevolmente. Questi sono i risultati dello studio James di ZHAW e Swisscom.

james-lieblingsapps-2020

Negli ultimi sei anni, le molestie sessuali su Internet sono aumentate notevolmente dal 19 al 44%. Secondo il James Study - Youth, Activity, Media, Survey Switzerland - le ragazze sono state più spesso vittime di molestie sessuali (55%) rispetto ai ragazzi (28%).

"Naturalmente, i giovani di questa età sono sempre più interessati ai contenuti sessuali. Ma è tutt'altra cosa quando i giovani ne sono involontariamente confrontati", ha dichiarato Michael In Albon, responsabile della protezione dei giovani dai media presso Swisscom, in un comunicato della ZHAW e di Swisscom. L'aumento significativo di queste molestie ha anche a che fare con la banalizzazione dei contenuti sessuali su internet.

 

Il "cyberbullismo" colpisce anche i più giovani

Secondo i ricercatori, l'interesse per i contenuti erotici e sessuali fa parte della crescita e dello sviluppo della propria sessualità. Tuttavia, può anche essere problematico, poiché certi contenuti pornografici trasmettono un'immagine falsa o unilaterale della sessualità e possono talvolta avere un effetto disturbante. Il sondaggio ha mostrato che una buona metà dei 18 e 19 anni ha visto contenuti pornografici sul proprio cellulare o computer o ha ricevuto immagini erotiche.

Un quarto dei giovani è stato anche confrontato con il cosiddetto "cyberbullismo", compreso uno su dieci di 12 e 13 anni.

 

Tiktok sempre più importante

Lo studio di James mostra anche che l'uso del telefono cellulare è aumentato notevolmente negli ultimi due anni. Nei fine settimana, è di quasi due ore più alto che nel 2018, a cinque ore. Durante la settimana, è di circa 40 minuti più di due anni fa, a tre ore al giorno.
I social network sono particolarmente importanti per i giovani, dove visualizzano e mettono "mi piace" ai post degli altri. Instagram, Snapchat e Tiktok hanno superato la piattaforma Facebook: il 90% ha un account su Instagram o Snapchat, tre giovani su quattro su Tiktok. Solo il 14% usa ancora Facebook, rispetto al 79% del 2014.

FireShot-Capture-178---JAMES-Studie---ZHAW-Angewandte-Psychologie---www.zhaw_.ch_

Meno cautela sui social network

Tuttavia, i giovani sembrano essere meno prudenti sui social network: Mentre nel 2014, l'81% degli intervistati ha protetto la propria privacy con impostazioni tecniche, nel 2020 la cifra era del 66%.

Secondo i ricercatori, la causa è probabilmente l'algoritmo delle reti: "Se i giovani limitano la loro privacy, sono meno visibili e ricevono meno copertura. Questo limita le opportunità di ottenere like", ha detto lo psicologo dei media Gregor Waller della ZHAW.

 

Differenze d'uso tra i sessi

Inoltre, lo studio James ha mostrato che le ragazze e i ragazzi usano i loro telefoni cellulari per scopi diversi: Le ragazze comunicano principalmente tramite i social network, ascoltano più spesso la musica e l'86% fa foto regolarmente (in contrasto con il 62% dei ragazzi).
Per i ragazzi, invece, l'attenzione è rivolta ai video e ai giochi online. Due terzi di loro giocano regolarmente, contro solo il dieci per cento delle ragazze. Un problema è che poco meno di un quarto dei giocatori minorenni dichiara di giocare regolarmente a giochi che non sono approvati per la loro età.

FireShot-Capture-172---JAMES-Studie---ZHAW-Angewandte-Psychologie---www.zhaw_.ch_

Più famiglia, meno amici

Un'altra tendenza nello studio di James ha mostrato che tre quarti delle famiglie di adolescenti hanno un abbonamento come Netflix, in aumento rispetto al 38% del 2016. Anche lo streaming musicale e gli abbonamenti a tariffa fissa per i giochi sono aumentati in modo significativo. 

Secondo i ricercatori, il blocco parziale potrebbe aver accelerato questo sviluppo. I giovani hanno probabilmente fatto un uso maggiore dei servizi di streaming per distrarsi o per fuggire dalla realtà che li stressava, ha detto lo psicologo dei media della ZHAW Daniel Süss.

La crisi di Corona ha probabilmente rafforzato anche un'altra tendenza: la famiglia sta diventando sempre più importante per i giovani. Per esempio, un terzo dei partecipanti ha detto di aver fatto qualcosa con la propria famiglia (2010: 16%), e due terzi con i propri amici (2010: 62%). (SDA/swi)

FireShot-Capture-175---JAMES-Studie---ZHAW-Angewandte-Psychologie---www.zhaw_.ch_

Nel quadro delStudio di James(Youth, Activity, Media - Survey Switzerland), che viene condotto ogni due anni, l'Università di Scienze Applicate di Zurigo ZHAW e Swisscom hanno intervistato circa 1000 giovani in Svizzera tra i 12 e i 19 anni sul loro comportamento nell'uso dei media.

(Visitato 72 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento