Publicitas è finalmente alla fine

La società di marketing pubblicitario Publicitas ha presentato istanza di fallimento al tribunale distrettuale di Bülach. Un tentativo di salvataggio con un nuovo modello di business è fallito a causa degli editori. L'ex dominatore del mercato pubblicitario svizzero è quindi storia.

publicitas-tage

In un tentativo di salvataggio, Publicitas aveva chiesto agli editori un incontro mercoledì. In seguito, l'azienda tradizionale di oltre 125 anni ha inviato un comunicato in cui si legge: "Publicitas sta lottando per i voti di 800 editori.

Poiché non ci sono state risposte, Publicitas ha esteso il termine per i commenti dal 10 al 14 maggio. Ora si è scoperto prima della scadenza che troppo pochi editori hanno mostrato interesse nel nuovo modello di business. I dipendenti hanno ricevuto un invito il giorno dell'Ascensione per una conferenza su Skype il venerdì mattina. L'azienda impiegava circa 270 persone in Svizzera.

Publicitas aveva chiesto una moratoria provvisoria per la ristrutturazione del debito il 3 maggio. Il nuovo modello di business faceva parte del piano di ristrutturazione. Il nucleo del piano era un modello di commissione che avrebbe dovuto ridurre i rischi per le aziende dei media. Doveva anche avvenire un taglio del debito. Inoltre, gli editori dovevano prendere in futuro una quota del 50 per cento in Publicitas.

L'amministratore Urs Boller ha confermato all'agenzia di stampa SDA un primo messaggio del portale dei media Piccolo rapporto. Lui stesso aveva presentato istanza di fallimento e Publicitas aveva fatto lo stesso. La domanda di moratoria provvisoria è stata ritirata.

Contenzioso legale prevedibile

Si presume che l'una o l'altra disputa legale possa divampare sull'eredità di Publicitas. La casa editrice Ringier ha già intentato una causa. È diretto contro un accordo di cessione di crediti tra Publicitas e la società finanziaria Thalos di Lussemburgo, come ha riferito il capo della comunicazione René Beutner nell'edizione online del Handelszeitung ha confermato venerdì.

I lussemburghesi avevano concluso l'accordo di cessione con Publicitas per garantire un prestito di ristrutturazione di 15 milioni di CHF in febbraio. Di conseguenza, Thalos è favorita rispetto agli altri creditori in caso di fallimento.

La casa editrice Tamedia ha anche un contratto di cessione con Publicitas. Secondo il portavoce di Tamedia Christoph Zimmer, il contratto è in vigore dal 2016, quando il contratto doveva essere rinnovato e il flusso dei pagamenti si è bloccato. Non è ancora stato deciso se le aziende dei media intraprenderanno azioni legali contro la casa editrice Tamedia del presidente dell'editore Pietro Supino. Zimmer ha dichiarato che l'accordo con i lussemburghesi non è paragonabile al contratto di Tamedia. Non si trattava affatto di servizi pubblicitari di Thalos a favore di Publicitas.

Azienda successore in fase di pianificazione

Publicitas ha avuto difficoltà dopo che sempre più editori hanno terminato la loro collaborazione con la società. Tamedia è stata la prima a ritirarsi, seguita da altre compagnie di media. Tutti si sono lamentati per il cattivo comportamento nei pagamenti e per i debiti insoluti.

Il portavoce di Tamedia Zimmer ha spiegato che lo sviluppo non è positivo per nessuno, compresa Tamedia. Aspettare avrebbe peggiorato la situazione. Tamedia, NZZ, AZ Medien, il "Corriere del Ticino" e l'Associazione svizzera degli editori di media hanno annunciato, dopo la richiesta di moratoria per la ristrutturazione del debito di Publicitas, la creazione di una nuova società per gestire le campagne mediatiche. Ringier non era a bordo per il momento.

Publicitas, come le case mediatiche, ha sofferto del marcato declino della pubblicità sulla stampa. L'azienda è stata più volte in rosso in passato, si è ritirata dal business estero, si è ridotta e ristrutturata. (SDA / ank)

(Visitato 26 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento