I conti di Publicitas sono stati impegnati da metà febbraio

Publicitas ha già impegnato i suoi conti a metà febbraio, come mostra una ricerca di Schweiz am Wochenende. Gli editori devono ora decidere se accettare l'offerta fatta giovedì - una quota della società.

publicitas-tageeg

Publicitas stava lavorando su un concetto di ristrutturazione da diverse settimane. Il proprietario Carsten Brinkmeier e l'amministratore delegato Jörg Nürnberg sono rimasti corrispondentemente sorpresi quando gli editori hanno iniziato a terminare pubblicamente ed effettivamente la cooperazione e quindi la fiducia una quindicina di giorni fa. Dal punto di vista di Publicitas, questo ha messo in pericolo il lavoro fatto finora - a scapito dell'intero panorama mediatico svizzero.

Come il La Svizzera nel fine settimana ora mostra, la ristrutturazione dovrebbe riuscire con l'aiuto della società Vicenda Asset Management con sede a Zugo. La società è specializzata nella concessione di prestiti alle PMI che non hanno più la possibilità di ottenere denaro dalle banche.

vicenda

Secondo il rapporto, Publictias ha ricevuto 15 milioni di franchi svizzeri il 16 febbraio per poter "rifinanziare i debiti esistenti e finanziare la ristrutturazione prevista". In cambio, Vicenda ha ricevuto ampie garanzie - compreso il pegno dei conti bancari di Publicitas e "crediti commerciali pari al 150 per cento del valore nominale".

I milioni sono stati forniti dalla società lussemburghese Thalos Investment Platform, che Vicenda ha co-fondato. Thalos è specializzata in titoli di debito. Questi "investimenti di debito privato" sono progettati per fornire agli investitori istituzionali un rendimento lordo fino al cinque per cento.

Il fatto che il filo della pazienza degli editori si sia spezzato ha sconvolto il piano di ristrutturazione originariamente previsto ed esposto i dettagli del finanziamento - insolito per questo settore di attività.

Dopo la moratoria provvisoria imposta dal tribunale distrettuale, la maggioranza degli editori deve ora accettare un nuovo concetto di ristrutturazione entro il 10 maggio. Se questo non accade, potrebbe non essere più possibile evitare il fallimento dell'intermediario pubblicitario tradizionale.

Gli editori devono essere coinvolti nelle pubbliche relazioni

Giovedì, la direzione di Publicitas ha incontrato gli editori e ha presentato loro un'offerta finale. Così, gli editori non solo riceveranno una mezza quota della società, ma sperimenteranno anche la piena trasparenza in futuro. Tuttavia, Schweiz am Wochenende stima le possibilità di raggiungere un accordo come "basse". Il motivo: non tutti gli editori sono trattati allo stesso modo - Tamedia, per esempio, gode di diritti speciali. Mentre il denaro per le pubblicità nei titoli di tutti gli altri editori fluisce all'investimento di Thalo, gli importi pagati per i titoli di Tamedia sono accreditati direttamente al gruppo mediatico di Zurigo. "Publicitas ha ceduto i crediti a favore di due parti, vale a dire Thalos Investment Platform S.A. da un lato e Tamedia dall'altro", ha scritto Publictias in un comunicato di venerdì.

Di conseguenza, Publicitas non accetterà nuovi ordini fino al 15 maggio - se il voto degli editori sarà positivo. L'azienda ha bisogno dei cinque giorni tra il feedback degli editori e la continuazione dell'attività per "valutare il feedback".

Nello stesso annuncio, Publicitas annuncia anche il lancio di una hotline a causa delle "numerose domande" dei clienti. Questo entrerà in funzione lunedì e ha lo scopo di chiarire le questioni aperte durante le ore di ufficio. (hae)

Altri articoli sull'argomento