Pronto il piano sociale per i dipendenti della tipografia Tamedia di Bussigny

Secondo i sindacati, è stato concordato un piano sociale "soddisfacente" tra i dipendenti del centro stampa di Losanna di Bussigny VD e il Gruppo Tamedia. Circa la metà dei 130 dipendenti potrà rimanere nella sede di Vaud nell'ambito della ristrutturazione del centro prevista a partire dal 2023.

Tamedia
(Immagine simbolo: Unsplash.com)

Tamedia aveva informato il personale della ristrutturazione all'inizio di maggio. Lo sfondo del cambiamento è un nuovo modello di turno, che sarà introdotto all'inizio del 2023. Ciò dovrebbe consentire un impiego equilibrato nelle operazioni diurne e notturne.

"La consultazione con la commissione del personale si è svolta fino alla fine di maggio e le singole misure sono state pronunciate a partire dalla metà di giugno", ha dichiarato giovedì all'agenzia di stampa Keystone-SDA un portavoce del gruppo TX, proprietario di Tamedia. Nello specifico, si tratta di modifiche ai contratti, licenziamenti con offerte di lavoro presso il centro stampa di Berna e prepensionamenti.

Prospettiva all'interno di Tamedia

"A tutti i dipendenti sono state offerte prospettive di carriera all'interno di Tamedia nel corso di colloqui personali. All'inizio di luglio è stato concluso un nuovo piano sociale, in gran parte basato sulla versione precedente e integrato da indennità di accompagnamento in caso di cambio di sede di lavoro", ha annunciato il gruppo, senza fornire cifre esatte.

"Si prevede che tra 65 e 70 persone rimarranno nel sito di Bussigny, ovvero una buona metà della forza lavoro", ha dichiarato il sindacato Syndicom. Syndicom ha anche confermato che ogni dipendente ha ricevuto un'offerta di lavoro. Con i trasferimenti al centro stampa di Berna, le uscite volontarie e i prepensionamenti, gli esuberi avrebbero potuto essere limitati entro la fine di dicembre.

Syndicom definisce il piano sociale "soddisfacente". "I negoziati sono andati bene. È stato raggiunto un accordo sui due o tre punti più importanti sollevati dalla commissione del personale", ha dichiarato un portavoce di Syndicom.

Nessun trasferimento obbligatorio

Ad esempio, non ci saranno trasferimenti forzati al sito di Berna. I dipendenti che rifiutano il trasferimento avranno diritto al piano sociale e al trattamento di fine rapporto.

Dopo la ristrutturazione annunciata a maggio, Syndicom aveva accusato Tamedia di utilizzare ancora una volta la misura per aumentare i profitti dell'azienda a scapito della Svizzera romanda. (Werbewoche.ch riportato).

Il sindacato ha sottolineato che il calo dei volumi indicato come motivo della ristrutturazione è dovuto in particolare alle misure adottate dalla stessa Tamedia, come la cessazione dell'edizione cartacea di Le Matin Semaine o la riduzione del numero di pagine degli altri titoli. A Bussigny, tra gli altri, i quotidiani 24 ore e Le Temps stampato. (SDA)

(Visitato 111 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento