Disney raggiunge Netflix con i servizi di streaming

Meno di tre anni fa, Disney ha iniziato a raggiungere Netflix nel settore dello streaming. Ora è stata raggiunta una pietra miliare: il gigante dell'intrattenimento ha raggiunto Netflix in termini di numero di utenti. Disney beneficia di una gamma più ampia di tre servizi.

DisneyDisney ha raggiunto il leader di mercato Netflix con i suoi servizi di streaming. I servizi Disney+, Hulu ed ESPN+ hanno totalizzato circa 221 milioni di abbonati nell'ultimo trimestre. Netflix ha recentemente registrato circa lo stesso numero dopo aver perso circa un milione di abbonati.

Allo stesso tempo, con il lancio di una versione con pubblicità, i clienti di Disney+ dovranno prepararsi a pagare un sovrapprezzo se vogliono continuare a guardare il programma senza interruzioni. Il gigante statunitense dell'intrattenimento ha finora accettato perdite elevate nel settore dello streaming.

Disney+, dove si possono trovare film e serie del mondo dei fumetti Marvel e di "Star Wars", è stato ancora una volta il chiaro motore di crescita dell'ultimo trimestre. Il servizio, lanciato solo nel novembre 2019 come cacciatore di Netflix, ha guadagnato 14,4 milioni di clienti in tre mesi e ora conta ben 152 milioni di abbonamenti.

Disney+ ha recentemente ottenuto due successi con la serie Star Wars "Obi-Wan Kenobi" e Marvel "Ms. Marvel". Gli osservatori del settore vedono i numerosi servizi di streaming in competizione per affermarsi come indispensabili per i consumatori di fronte all'inflazione e alle preoccupazioni economiche.

Mercato indiano sottovalutato

La crescita di Disney+ è stata ben superiore alle aspettative degli analisti. Allo stesso tempo, il mercato indiano ha svolto un ruolo centrale, dove sono stati aggiunti circa otto milioni di abbonati e il servizio Disney+ Hotstar conta ora ben 58 milioni di clienti. Tuttavia, Disney si è ritirata dalla gara d'appalto per le partite di cricket, che al momento sono un'attrazione per il servizio.

Negli Stati Uniti, invece, il numero di abbonati a Disney+ è rimasto fermo a 44,5 milioni, come ha annunciato il gruppo dopo la chiusura della borsa statunitense mercoledì. Per quanto riguarda l'intera attività internazionale al di fuori dell'India, Disney+ conta ora 49,2 milioni di clienti, con un aumento di sei milioni in tre mesi.

Differenza importante: in India, il gruppo incassa in media solo 1,20 dollari al mese per cliente, mentre negli Stati Uniti e in altri Paesi si aggira intorno ai 6,30 dollari.

Il servizio sportivo ESPN+ conta oggi quasi 23 milioni di abbonati e il terzo servizio di streaming di Disney, Hulu, ha 46 milioni di utenti. Nei mercati esteri, come la Germania, i contenuti di Hulu e del canale televisivo ABC di Disney sono inclusi nell'app Disney+.

Perdita dovuta agli elevati costi di produzione

La perdita operativa della divisione Disney con l'attività di streaming è salita a ben un miliardo di dollari. Nello stesso trimestre dell'anno scorso, la perdita era stata molto più contenuta, pari a 293 milioni. Tra le altre cose, l'azienda sottolinea gli elevati costi di produzione.

Disney sta sfruttando la popolarità dei servizi per testare il potenziale di aumento dei prezzi. Negli Stati Uniti, ad esempio, il prezzo precedente di 7,99 dollari dall'8 dicembre si applica alla versione di Disney+ con pubblicità. Chi vuole continuare a guardare senza pubblicità dovrà pagare 10,99 dollari. Su Hulu, il prezzo aumenta di 1 o 2 dollari al mese, a seconda del modello di abbonamento.

Anche ESPN+ ha recentemente annunciato un aumento dei prezzi negli Stati Uniti. Anche Netflix sta preparando una versione con pubblicità e spera di lanciarla a fine anno. In una teleconferenza con gli analisti, l'amministratore delegato Bob Chapek ha espresso la convinzione che l'aumento dei prezzi non porterà a un esodo di clienti nel lungo termine.

Nel frattempo, il denaro per l'impero dell'intrattenimento è stato guadagnato dal business classico con la divisione TV via cavo, oltre a studi cinematografici, parchi a tema, resort e navi da crociera. Il fatturato della divisione parchi a tema è balzato del 70% a 7,4 miliardi di dollari rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, caratterizzato dalle misure di Corona, e l'utile operativo si è moltiplicato a 2,2 miliardi di dollari.

"Abbiamo avuto un trimestre eccellente", ha annunciato Chapek. Il fatturato del Gruppo è cresciuto del 26%, raggiungendo i 21,5 miliardi di dollari. L'utile è salito del 53% a 1,4 miliardi di dollari (1,36 miliardi di euro). (SDA)

(Visitato 133 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento