Il programma "Arena" con le dichiarazioni di Aeschi era appropriato

L'ufficio del difensore civico della SRF ha respinto tutte le denunce contro un programma "Arena" sulla guerra in Ucraina con Thomas Aeschi. Nel programma, il presentatore Sandro Brotz ha confrontato il leader del gruppo parlamentare SVP con una dichiarazione che ha fatto in parlamento. L'ufficio del mediatore attesta che il programma era corretto nei fatti.

L'ufficio del difensore civico ha ricevuto 46 denunce, come ha annunciato martedì nella sua relazione finale. Erano diretti contro l'"Arena" del 18 marzo. L'ufficio dell'Ombudsman dichiara espressamente che ha fatto bene a confrontarsi con il consigliere nazionale di Zugo e capo del gruppo parlamentare SVP con la sua dichiarazione.

L'ufficio del mediatore ha anche approvato la discussione conflittuale in cui il moderatore ha preso la parte opposta. Aeschi aveva accettato in anticipo questa conversazione individuale e sapeva cosa aspettarsi. Nel contesto della conversazione e dei chiarimenti, era comprensibile che Brotz avesse descritto la dichiarazione di Aeschi come "razzista".

Aeschi un po' troppo corto

Tuttavia, conclude anche che la conclusione di Brotz era troppo conclusiva e teneva troppo poco conto degli argomenti di Aeschi. La redazione di "Arena" ha già ammesso che la battaglia di parole è stata intensa e che il moderatore avrebbe dovuto dare più spazio agli argomenti di Aeschi.

L'ufficio dell'Ombudsman nota però che Brotz non ha mai condannato il capogruppo parlamentare, ma si è basato sul chiaro parere della Commissione federale contro il razzismo (FCR) e quindi su esperti.

In conclusione, l'ufficio del difensore civico afferma che il pubblico è stato in grado di formare il proprio rapporto e che l'equità fattuale non è stata violata. La televisione SRF considera il rifiuto di tutti i reclami come una conferma del lavoro della redazione di "Arena". La SRF rimane impegnata in un'informazione fattuale, ma anche nell'indipendenza politica.

La SVP boicotta "Arena

Nel dibattito del Consiglio nazionale sulla guerra in Ucraina, il presidente del gruppo parlamentare dell'SVP Aeschi aveva detto a proposito degli attesi profughi di guerra: "Non deve essere possibile che nigeriani o iracheni con passaporto ucraino stuprino improvvisamente donne ucraine di 18 anni. Questo non deve accadere". Secondo la dichiarazione, questo voleva riferirsi a un incidente in Germania. La FCR ha definito la dichiarazione razzista.

La SVP ha annunciato dopo la trasmissione "Arena" che non avrebbe più partecipato al giro di discussione "fino a nuovo avviso". Il partito ha descritto il confronto di Aeschi con le sue dichiarazioni come un "grossolano deragliamento" del moderatore Brotz. Si era comportato come un giudice nei confronti di Aeschi.

A metà aprile, la SVP ha dichiarato la sua volontà di partecipare di nuovo dopo un boicottaggio di tre settimane. Questo è stato preceduto da una discussione tra il presidente SVP Marco Chiesa (TI), Thomas Aeschi e il consigliere nazionale SVP Thomas Matter (ZH) con la direttrice di SRF Nathalie Wappler, il caporedattore video Tristan Brenn e il caporedattore audio Lis Borner. (Werbewoche.ch riportato). (SDA)

(Visitato 115 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento