Trump annuncia il suo social network "Truth Social"

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump vuole fondare un social network alternativo. La nuova piattaforma si chiamerà "Truth Social", ha annunciato Trump mercoledì sera (ora locale).

La verità si traduce in verità. Il presidente eletto ha detto che ha i soldi insieme per iniziare la sua propria società di media quotata in borsa. Con questo, Trump sta facendo un nuovo tentativo di rientrare nella conversazione pubblica online.

La rete sarà lanciata a novembre per gli invitati, poi a livello nazionale all'inizio del 2022. L'obiettivo è quello di resistere alla "tirannia" delle grandi aziende tecnologiche. "Viviamo in un mondo in cui i talebani hanno una presenza enorme su Twitter, ma il vostro presidente americano preferito è stato messo a tacere", ha detto Trump.

Twitter, così come Facebook e Youtube, avevano sospeso gli account di Trump a gennaio, poco prima della fine del suo mandato. Questo è stato innescato dall'assalto al Campidoglio degli Stati Uniti da parte dei sostenitori di Trump - e dal fatto che ha espresso simpatia per gli attaccanti. Continua anche a sostenere, senza alcuna prova, che la sua vittoria nelle elezioni presidenziali di novembre è stata rubata con la frode. Con questo, ha riscaldato l'atmosfera nel paese. Twitter, dove Trump era seguito da più di 80 milioni di utenti, era stata la piattaforma di comunicazione più importante per lui fino ad allora. L'ex presidente si difende da tempo contro il blocco del suo account.

Nuova concorrenza per il "consorzio liberale dei media

La nuova società di media - la Trump Media & Technology Group - è stata creata attraverso una fusione con la Digital World Acquisition Corp. e intende diventare pubblica, ha spiegato ancora Trump. Vuole essere un concorrente del "consorzio liberale dei media" e opporsi alle aziende della Silicon Valley che hanno usato il loro potere unilaterale per mettere a tacere le voci dell'opposizione in America. Trump ha annunciato che presto pubblicherà la sua prima "verità" su Truth Social.

A parte l'annuncio, non si vede ancora molto della rete annunciata. C'è una homepage Truthsocial.com con un link a un'applicazione per iPhone che può essere preordinata. L'app store di Apple indica il 21 febbraio 2022 come data di lancio.

Mezzo proprio dopo l'espulsione

Dopo l'espulsione di Trump dal più importante social media, Trump e i suoi sostenitori hanno fatto diversi tentativi per costruire un'alternativa rilevante a Twitter & Co. A maggio, Trump ha creato un blog sul suo sito web. Lì, l'ex presidente si lamentava soprattutto dei presunti brogli nelle elezioni presidenziali del 2020. Dopo un mese, la sezione del blog è stata chiusa di nuovo. Secondo un rapporto del Washington Post Trump era infastidito dal fatto che il suo blog era stato principalmente ridicolizzato su internet. L'offerta aveva anche attirato solo pochi visitatori.

Rapporti non confermati sono circolati a Washington per mesi, secondo i quali Trump vuole creare le sue proprie aziende di media. Anche la voce che Trump vuole creare un'alternativa alla sua ex stazione televisiva preferita Fox News non si è avverata. Non è successo molto nemmeno in termini di creazione di un'alternativa a Twitter. Uno stretto consigliere di Trump, Jason Miller, ha fondato una piattaforma di social media rivale chiamata Gettr. Ma Trump non ha aderito finora alla piattaforma. (SDA)

(Visitato 127 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento