I media svizzeri dovrebbero cooperare nonostante la concorrenza

La consigliera federale Simonetta Sommaruga ha invitato gli editori di giornali a lavorare insieme. La democrazia diretta dipende da media nazionali forti, ha detto mercoledì sera all'apertura dello Swiss Media Forum nel KKL Luzern.

Simonetta Sommaruga tiene un discorso al Swiss Media Forum al KKL di Lucerna. (Foto: Severin Bigler)

Nel suo discorso, la consigliera federale, che come capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti e delle comunicazioni è anche responsabile dei media, ha affrontato le conseguenze della cosiddetta platformisation. Questo termine significa che la gente non legge più le notizie su un giornale particolare, ma su una piattaforma come Facebook o Instagram. Dimenticano chi è responsabile degli articoli, ha spiegato Sommaruga.

Gli editori di giornali perdono entrate pubblicitarie con la platformizzazione. Quando ci sono meno soldi, le redazioni vengono ridimensionate e le testate vengono accorpate, ha detto il consigliere federale. La popolazione paga con i suoi dati personali il suo consumo di media presso i giganti stranieri di internet.

Mancanza di trasparenza

Ma il consigliere federale vede un altro problema: le piattaforme non sono così neutre come sembrano. Alcune società americane e cinesi determinerebbero quali contenuti verrebbero mostrati in Svizzera. Essi avrebbero plasmato la percezione del mondo, e nessuno avrebbe saputo quale atteggiamento avessero le piattaforme. Nel NZZ e il WoZ d'altra parte, i lettori saprebbero da quale punto di vista viene visto il mondo.

Grazie alle piattaforme, i politici possono rivolgersi al grande pubblico direttamente e senza i media. Possono così evitare il confronto con i media e le inchieste critiche, ha spiegato Sommaruga. Il ruolo di controllo dei media è indebolito.

I media devono essere sul posto

La consigliera federale, che è anche lei attiva nei social media, non ha negato che le piattaforme hanno anche i loro lati buoni. Ma ha detto che la Svizzera, come democrazia diretta, non può permettersi di indebolire i media locali. Le grandi corporazioni di internet non potevano sostituire i media locali. "Solo dove ci sono media locali, la popolazione sa cosa sta succedendo nella regione", ha detto.

Siccome la platform non può essere fermata, i media devono lavorare insieme, ha spiegato Sommaruga. Dove la cooperazione ha senso, si dovrebbero cercare soluzioni comuni, anche con il SSR. La concorrenza non esclude la cooperazione selettiva.

L'elogio dei media invece del rimprovero dei media

Sommaruga ha anche promosso il Media Act, che sarà votato dall'elettorato nel 2022. Rafforza la diversità e l'indipendenza dei media. Ha detto che è diventata una buona cosa criticare i media. Ma lei pensa che il loro lavoro sia centrale in Svizzera. "Si può ancora dire così", ha detto.

Il programma principale dello Swiss Media Congress si svolgerà giovedì. I temi che il consigliere federale aveva toccato - il potere dei giganti americani di internet o il referendum contro la legge sulla promozione dei media, ma anche le innovazioni tecniche o l'uso di un linguaggio neutro rispetto al genere - saranno discussi. (SDA)

(Visitato 68 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento