Il Consiglio della stampa rimprovera le pubblicazioni Ringier per pubblicità surrettizia

Il Consiglio della stampa ha rimproverato la piattaforma online Blick.ch e la rivista Schweizer Illustrierte del Ringier Group per non aver separato il contenuto pagato da quello editoriale. La rivista ha pubblicato una serie pagata dagli agricoltori senza rivelarlo. La piattaforma online ha fatto propaganda elettorale senza etichettarla come pubblicità.

Il caso riguardava un articolo in vista del voto del 7 marzo sull'identità elettronica. Come il Consiglio della stampa ha notato venerdì, il riferimento a blick.ch "in collaborazione con ..." non è sufficiente perché l'articolo è stato pubblicato nella solita veste.

Così, la propaganda di voto dell'associazione imprenditoriale Digital Switzerland non si distingueva sufficientemente dal contenuto editoriale. Il riferimento era anche facile da leggere, in modo che l'articolo non fosse chiaramente dichiarato come pubblicità.

Solo la terza e ultima versione ha soddisfatto i requisiti, come scrive il Consiglio della Stampa. La chiara frase che afferma che si tratta di pubblicità politica con la linea dell'autore "Questo è un contributo pagato, presentato da..." ha creato la trasparenza necessaria.

Pubblicità surrettizia per gli agricoltori

Anche il Svizzero illustrato ha violato l'obbligo di separare il contenuto pagato da quello editoriale. Tra aprile e giugno 2020, la rivista ha pubblicato una serie di quattro reportage sulle aziende agricole nell'ambito della campagna "Mehr Schweiz im Teller".

Questo è stato finanziato da Agro-Marketing Suisse, la società di marketing delle organizzazioni di agricoltori. Secondo il Consiglio della stampa, il finanziamento non è stato rivelato. Il primo rapporto affermava che era stato prodotto in collaborazione con gli agricoltori svizzeri.

Solo nell'ultimo articolo, però, c'era scritto "in collaborazione con Agro-Marketing Suisse e l'Unione svizzera dei contadini", che secondo il rimprovero non è sufficiente. Per assicurare che i lettori non siano ingannati, la collaborazione deve essere chiaramente dichiarata come commerciale e pagata in ogni singolo articolo.

Preoccupazioni sulla pubblicità nativa

Il Consiglio ha anche ricordato che l'obbligo di etichettare la pubblicità si applica anche ai media sociali. Per esempio, ha trovato insufficiente il riferimento "sponsorizzato" su una pagina Facebook. Invece, il Consiglio della stampa raccomanda la chiara etichettatura "Paid advertising partnership".

In generale, il Consiglio della Stampa è preoccupato per la diffusione della cosiddetta pubblicità nativa, cioè la pubblicità nell'"ambiente familiare" di una pubblicazione che difficilmente si differenzia dal contenuto editoriale. Gli editori di giornali sono sotto pressione per generare entrate pubblicitarie.

Ma gli articoli commerciali sotto forma di copia editoriale farebbero loro un cattivo servizio. Mostrano "una mancanza di rispetto per i lettori e minano la credibilità del giornalismo", scrive il consiglio. (SDA)

(Visitato 205 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento