La TV via cavo era ieri: la maggior parte degli svizzeri usa la TV via Internet 

Nel 2021, Internet è diventato per la prima volta il canale di ricezione televisiva più utilizzato dagli svizzeri, superando il classico canale di ricezione via cavo. Con l'aumento generale dell'uso della TV nell'era Corona, crebbe anche la domanda di TV in diretta via internet. Nel processo, le offerte televisive sono sempre più guardate su smart TV.

 

 

Il rapporto si basa su un sondaggio condotto da Kantar per conto di Zattoo Europa AG quest'anno tra 875 utenti di Internet tra i 16 e i 69 anni in Svizzera.

Nel 2021, il 56% di tutti gli utenti svizzeri di Internet riceverà già la televisione via Internet. Ciò significa che internet come canale di ricezione televisiva aumenterà di altri 7 punti percentuali rispetto all'anno precedente. Per la prima volta, internet sta superando la ricezione tradizionale via cavo, che rimane al livello dell'anno precedente del 51%. La ricezione televisiva via satellite è usata dal 9% degli intervistati e il DVB-T da un altro 5%. Poiché alcune famiglie usano più di un canale di ricezione per la televisione, per questa domanda erano possibili risposte multiple.

L'uso dei servizi di streaming TV continua a crescere fortemente

Mentre nel 2020 il 32% dei telespettatori svizzeri usava servizi di streaming televisivo come la TV in diretta via Internet, il video-on-demand o YouTube per più della metà del loro tempo di visione, nel 2021 questa cifra era salita al 41%. Un altro 39% usa i servizi di streaming televisivo fino alla metà del tempo di visione.

Anche la percentuale di coloro che non usano alcun servizio di streaming televisivo continua a diminuire bruscamente: la cifra è ora solo il 20% invece del 30% dell'anno precedente. Già il 57% di tutti gli utenti svizzeri di internet può immaginare di utilizzare in futuro i servizi televisivi esclusivamente via internet. Il 7% lo sta già facendo.

L'uso della TV in diretta aumenta significativamente durante la crisi di Corona

L'uso della televisione in diretta via Internet sta aumentando di nuovo in modo significativo nel 2021. Mentre l'anno precedente c'è stato un calo dal 47% nel 2019 a solo il 34% nel 2020, quest'anno la tendenza è chiaramente rivolta di nuovo verso l'alto con una quota del 40% a causa della crisi di Corona.

Anche l'uso delle mediateche (24%) e di YouTube (66%) continua ad aumentare. Solo l'uso delle offerte di video-on-demand (23%) è in leggero calo quest'anno, di due punti percentuali.

Guardando ai singoli fornitori di video-on-demand, tuttavia, Netflix ha fatto notevoli guadagni quest'anno. Il 68% degli utenti di video-on-demand, 12 punti percentuali in più rispetto al 2020, ha guardato le offerte di film e serie della società statunitense. Al 20%, un utente di video-on-demand su cinque guarda già il servizio Disney+ appena lanciato. In termini di mediateche, la ZDF Mediathek in particolare ha visto un aumento significativo di 10 punti percentuali al 44% tra gli utenti delle mediateche. Un altro 51% preferisce guardare il programma SRF Mediathek. Anche la ARD Mediathek continua a crescere e viene guardata dal 38% degli utenti intervistati.

TV in streaming preferibilmente sulla Smart TV

Anche le Smart TV sono in crescita in tempi di Corona e aumenteranno di altri 6 punti percentuali nel 2021. Già il 45% di tutti gli utenti dello streaming televisivo guardano il loro programma televisivo su una smart TV. Anche i computer portatili e i PC sono utilizzati dal 45%, ma stanno perdendo 5 punti percentuali rispetto all'anno precedente. Anche l'uso del cellulare è di nuovo in aumento, dopo un forte calo nell'anno precedente. Questo potrebbe essere dovuto all'uso parallelo di più dispositivi nei momenti di blocco parziale. Per esempio, l'uso dei tablet nel 2021 è del 28% e quello degli smartphone del 44%. I dispositivi di streaming (11%) e le console di gioco (8%), invece, rimangono al livello dell'anno precedente.


Il rapporto completo sullo streaming TV 2021 per la Svizzera è disponibile su qui scaricare.

(Visitato 269 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento