Il Consiglio della Stampa rimprovera: Repubblica ha alterato in modo inammissibile la corrispondenza

La rivista online Republik ha pubblicato la corrispondenza di ricerca di un giornalista con la propria redazione e in alcuni casi vi ha apportato modifiche inammissibili. Il Consiglio della stampa ha parzialmente approvato la denuncia corrispondente.

Presserat

Nella sua decisione pubblicata mercoledì, il Consiglio della stampa considera legittimo che il Repubblica ha pubblicato l'intervista come prova delle contraddizioni in discussione. In linea di principio, tuttavia, le interviste di ricerca non dovrebbero essere pubblicate senza consenso.

Il giornalista investigativo aveva presentato una denuncia perché la rivista online aveva pubblicato la corrispondenza senza il suo consenso e l'aveva distorta. hanno pubblicato.

Secondo il Consiglio della stampa, almeno una domanda e la risposta corrispondente mancavano dalla pubblicazione. Inoltre, uno dei cambiamenti editoriali era pertinente al contenuto, così che avrebbe potuto influenzare l'impressione dei lettori.

Ci dispiace per le imprecisioni e gli errori" è diventato "Ci dispiace per le imprecisioni riscontrate". Il Repubblica aveva quindi violato il suo dovere di editare correttamente le fonti, secondo il Consiglio della stampa.

Una parte centrale del mestiere di giornalista è la riproduzione di frasi parlate o scritte. Una citazione può certamente essere abbreviata e anche riorganizzata per chiarire ciò che è stato detto. Tuttavia, la Dichiarazione dei doveri e dei diritti dei giornalisti del Consiglio della stampa afferma al paragrafo 3: "(...) non sopprimete elementi importanti dell'informazione e non distorcete fatti, documenti, immagini e suoni o opinioni espresse da altri(...)". Contro questa regola, il Repubblica violato. (SDA/swi)

(Visitato 27 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento