La commissione dei media chiede una regolamentazione per i servizi di streaming

La Commissione federale dei media (FMEK) chiede che la regolamentazione esistente sia estesa ai servizi di streaming nell'interesse di un level playing field. Inoltre, la Commissione ritiene che il giornalismo rilevante per la democrazia dovrebbe essere sostenuto indipendentemente dal canale di distribuzione.

Streaming

La digitalizzazione sta trasformando completamente l'industria dei media, il pubblico e la democrazia, secondo un rapporto pubblicato lunedì dall'EMEK. Oggi, l'uso dei media avviene sempre più su internet e tramite dispositivi mobili.

La radiodiffusione sta ottenendo un'ulteriore concorrenza dai servizi di streaming come Netflix o Spotify. Le persone non usano i contenuti mediatici sui canali, siti web e app delle aziende mediatiche, ma sempre più su piattaforme come Facebook, TikTok o YouTube.

 

Introdurre regole per i servizi di streaming

I servizi di streaming portano ad una maggiore concorrenza e diversità, soprattutto nel settore dell'intrattenimento, ma non sono soggetti alla stessa regolamentazione della trasmissione. La FMEC chiede quindi che il regolamento esistente sia esteso ai servizi di streaming nel senso di una parità di condizioni.

In Svizzera, una revisione della legge sul cinema è prevista nel messaggio culturale del Consiglio federale. Come nell'UE, i servizi di streaming devono soddisfare una quota del 30% di contenuti europei in futuro. Inoltre, dovrebbero investire il quattro per cento delle loro entrate lorde nella cinematografia svizzera. L'EMEK sostiene queste proposte.

La SRG SSR continuerebbe ad avere bisogno di un finanziamento stabile in futuro, e il suo mandato di performance richiederebbe di produrre i propri programmi. I mandati di performance dovrebbero garantire la produzione di programmi di informazione, educazione e cultura.
Per le emittenti svizzere, la differenziazione poteva essere raggiunta solo con produzioni interne, ma queste erano associate a costi elevati.

Oltre a sviluppare le proprie offerte on-demand, le emittenti svizzere potrebbero provare a piazzare le proprie produzioni su servizi di streaming come Netflix e Spotify. Per i nuovi fornitori di podcast al di fuori delle organizzazioni mediatiche consolidate, i servizi di steaming offrirebbero quindi la possibilità di attirare una maggiore attenzione.

 

Pericoli delle piattaforme

Le piattaforme offrono numerose opportunità per la democrazia. L'accesso al pubblico sta diventando più facile per gli individui e i gruppi, e stanno emergendo nuove opportunità di informazione, discussione e partecipazione. Inoltre, alcuni pericoli come le cosiddette "bolle di filtraggio" o "fake news" sono molto sopravvalutati nel discorso pubblico.

Tuttavia, le piattaforme renderebbero più difficile finanziare il giornalismo, perché la pubblicità e l'uso si sposterebbero verso i motori di ricerca e le reti sociali. Questo porterebbe a misure di riduzione dei costi nelle redazioni e all'aumento dei processi di concentrazione nei media. Questo è problematico per una democrazia diretta.

 

Sostenere finanziariamente il giornalismo

Il FMEC propone quindi un sostegno diretto al giornalismo e all'innovazione affinché il giornalismo possa continuare ad essere finanziato in futuro. La funzione informativa e critica del giornalismo deve essere preservata.

Quello che serve è un sostegno diretto al giornalismo che sostenga il giornalismo rilevante per la democrazia, indipendentemente dal canale di distribuzione. Per finanziare questo sostegno diretto, si potrebbe considerare un prelievo sulle entrate pubblicitarie delle piattaforme e delle finestre pubblicitarie televisive, scrive l'EMEK. Tuttavia, questo prelievo dovrebbe essere destinato a uno scopo specifico.

L'EMEK propone anche di aiutare l'industria dei media ad affrontare la digitalizzazione promuovendo l'innovazione. Questo potrebbe sostenere progetti come lo sviluppo di offerte e algoritmi moderni. Inoltre, il sostegno indiretto alle infrastrutture sarebbe appropriato.

Oltre alle misure di sostegno pubblico, si potrebbero considerare incentivi fiscali per le donazioni ai media e detrazioni fiscali per gli abbonamenti ai prodotti editoriali. (SDA)

(Visitato 54 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento