I lavoratori dei giornali minacciati di licenziamento presentano le loro richieste

Il sindacato Syndicom ha presentato delle richieste sull'imminente taglio di posti di lavoro a nome delle persone che distribuiscono Zentralschweiz am Sonntag. Dice che Presto Presse-Vertriebs AG deve impegnarsi in un dialogo serio con gli interessati in modo da evitare casi di difficoltà.

presto_zas

Quattro settimane fa, la casa editrice CH Media ha annunciato che avrebbe interrotto il giornale domenicale Zentralschweiz am Sonntag alla fine di giugno. (Werbewoche.ch riportato). Il sindacato Syndicom ha annunciato sabato che questa decisione avrà conseguenze di vasta portata, in alcuni casi esistenziali, per gli editori di giornali.

Secondo il sindacato, circa 600 persone distribuiscono giornali la domenica, 400 delle quali sono minacciate di licenziamento a causa della soppressione del giornale domenicale della Svizzera centrale. Circa 200 persone sarebbero ancora necessarie per distribuire altri giornali, ha detto David Roth, segretario centrale di Syndicom, alla domanda dell'agenzia di stampa Keystone-SDA.

Come parte del processo di consultazione, sono state sviluppate idee da parte dei proprietari dei giornali su come le persone potrebbero continuare ad essere impiegate e come il licenziamento di massa potrebbe essere attenuato. Queste richieste sono state presentate alla Presto Presse-Vertriebs AG di Emmenbrücke sabato mattina. Presto è una filiale della Posta Svizzera.

Secondo Roth, una delle richieste è che i lavoratori dei giornali particolarmente colpiti da un licenziamento continuino ad essere impiegati. Nel migliore dei casi, dovrebbero ricevere un risarcimento o la continuazione del pagamento dei salari. Inoltre, i giri della domenica, che sono particolarmente attraenti a causa dei supplementi, potrebbero essere distribuiti alternativamente tra i vettori.

Le persone che distribuiscono i giornali alle famiglie lavorano nel settore dei bassi salari in lavori in parte precari, ha riferito Syndicom. Alcuni di loro hanno un altro lavoro, ma sono dipendenti dal secondo lavoro. (SDA)

Altri articoli sull'argomento