La SSR affronta "brillantemente" la segnalazione di No Billag secondo l'ufficio del difensore civico

Nel 2018, la SSR ha dovuto riferire in modo neutrale sull'iniziativa No Billag, un argomento di cui era sia l'oggetto che il partito. Ha superato questa sfida "a pieni voti", scrive l'ufficio dell'ombudsman della SRG Deutschschweiz.

Schweizer_Radio_und_Fernsehen_bravo

L'iniziativa No Billag ha incoraggiato molti denuncianti che si aspettavano che la SSR fosse presto abolita, secondo il rapporto annuale dell'ufficio del difensore civico pubblicato martedì.

C'era spesso molta emozione nelle denunce, anche nel caso della serie educativa di Facebook "Dr. Bock" o la discussione sull'aquila a due teste durante la Coppa del Mondo di calcio. Il dibattito giornalistico sull'iniziativa di autodeterminazione in autunno non è stato meno intenso.

Fattivamente corretto e fedele ai fatti

Come prima, il motivo più frequente di critica è la violazione dell'obiettività. Nel 2018, 67 su un totale di 419 reclami su trasmissioni o pubblicazioni della SSR erano legati alla democrazia diretta.

L'ufficio del difensore civico non era responsabile di 72 denunce. Questo ha riguardato 274 contributi. Complessivamente, le redazioni hanno lavorato in modo corretto e fattuale - l'81% dei reclami non poteva essere sostenuto.

Nel complesso, l'ufficio del difensore civico dà alle redazioni un buon rapporto. Il 19 per cento dei reclami che sono stati sostenuti corrispondeva approssimativamente al valore degli anni precedenti. I migliori risultati sono stati raggiunti nel settore online con l'89,9% di reclami non supportati.

Sollievo per l'UBI

17 volte le trasmissioni o le pubblicazioni della SRF sono state oggetto di reclami davanti all'Autorità indipendente per i reclami della radio e della televisione (UBI). Questi ultimi si sono sempre pronunciati in linea con le valutazioni dell'Ombudsman - con due eccezioni: nel caso di un programma di "Puls" e di uno di "Schweiz aktuell", l'Ufficio dell'Ombudsman aveva sostenuto parzialmente la rispettiva denuncia, mentre l'UBI ha respinto la denuncia.

È evidente che l'ufficio del difensore civico è percepito come un importante punto di contatto: Meno del 5% dei casi sono diventati successivamente denunce davanti all'UBI. (SDA)

(Visitato 18 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento