Gli ex dipendenti di Le Matin chiedono un piano sociale accettabile

Più di 40 dipendenti dell'edizione cartacea del quotidiano Le Matin, che è stato soppresso in estate, hanno protestato giovedì davanti alla casa editrice Tamedia a Losanna. Chiedono un piano sociale "accettabile".

unbenannt-1

Cinque mesi, una settimana e un giorno dopo aver annunciato sulla carta la fine di Le Matin, l'azienda mediatica zurighese Tamedia non ha ancora presentato un piano sociale decente ai 41 giornalisti, fotografi e grafici licenziati, hanno scritto gli interessati in una lettera aperta che hanno letto davanti all'edificio editoriale di Tamedia a Losanna e distribuito ai passanti. I manifestanti portavano cartelli gialli con un pugno militante e la scritta "Sostegno ai 41 di Matin". Le trattative con la direzione di Tamedia erano arrivate a un punto morto, ha detto un impiegato a nome dei 41 lavoratori licenziati, lamentando: "Tamedia finge di continuare le trattative, ma da giugno non ha fatto nessuna concessione, niente".

Tutto questo è tempo perso. Invece di poter continuare la loro istruzione e reintegrarsi nel difficile mercato del lavoro, stanno ancora aspettando una compensazione finanziaria e misure di sostegno. La maggior parte dei 41 dipendenti di Le Matin Print sono disoccupati da quando il giornale è stato chiuso.

Tamedia vuole l'arbitrato
Il gruppo mediatico Tamedia aveva annunciato mercoledì sera che era pronto a prendere la via dell'arbitrato nella questione dell'indennizzo dei dipendenti licenziati di Le Matin. Tamedia ritiene che il piano sociale proposto sia generoso e in linea con le pratiche dell'industria e le realtà del mercato del lavoro. L'offerta è ancora migliore di quelle fatte da altri editori svizzeri negli ultimi anni, ha sottolineato Tamedia.

La redazione di Tamedia Romandie aveva scioperato a luglio per protestare contro la soppressione della versione cartacea di Le Matin, ma lo sciopero è stato poi sospeso in favore di un accordo negoziato. L'ultima edizione stampata di Le Matin è apparsa il 21 luglio. (SDA)

(Visitato 22 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento