Sciopero a Tamedia Romandie

La redazione di Tamedia Romandie è entrata in sciopero alle 16 di martedì. Con lo sciopero protestano contro la prevista soppressione dell'edizione stampata del quotidiano Le Matin.

csm_tamedia_romandie_d3a33cce72

Le redazioni di tutte le pubblicazioni di Tamedia nella Svizzera francese prevedono uno sciopero fino alla mezzanotte di mercoledì, come hanno annunciato martedì il sindacato Syndicom e l'associazione dei giornalisti Impressum. Lo sciopero è stato deciso dall'88% della redazione. A partire dalle 16, decine di impiegati si sono riuniti davanti al grattacielo Tamedia a Losanna per un sit-in.

Poco dopo le 16.00 di martedì, Tamedia ha inviato un messaggio per chiedere la fine immediata dello sciopero: "Tamedia invita tutti i dipendenti di Le Matin e i rappresentanti di Impressum a terminare immediatamente lo sciopero. Altrimenti, Tamedia potrebbe porre fine al CLA". Il comunicato di Tamedia continua: "Dopo aver risposto in modo molto dettagliato alle proposte della delegazione dei dipendenti e dei sindacati la scorsa settimana, Tamedia ha invitato i rappresentanti delle redazioni e di Impressum a iniziare a elaborare un piano sociale il 28 giugno 2018, tenendo conto del CLA. L'obiettivo di questi negoziati è di mettere in atto misure di accompagnamento che permettano alle persone colpite di ammortizzare le conseguenze di una perdita di lavoro e di aiutarle a trovare un nuovo impiego".

Syndicom giustifica così lo sciopero: "Le redazioni di Tamedia nella Svizzera romanda condannano l'annunciata chiusura dell'edizione cartacea di Le Matin e i licenziamenti annunciati da Tamedia nonostante fosse in corso una procedura di conciliazione davanti alla commissione cantonale di conciliazione. Sono indignati dal fatto che Tamedia abbia rifiutato le proposte degli editori - che avevano lo scopo di limitare l'impatto delle misure prese da Tamedia". Le richieste degli scioperanti, secondo il comunicato di Syndicom, sono: "che il gruppo Tamedia si impegni seriamente, intensamente e senza escludere a priori qualsiasi soluzione - compresa la cessione di titoli - in un processo che possa preservare la diversità della stampa nella Svizzera francese". Il sindacato ha anche chiesto che Tamedia offra alle persone colpite un ritiro provvisorio dei licenziamenti emessi da giugno 2018.

Tamedia prevede di interrompere l'edizione stampata di Le Matin alla fine di luglio (La settimana della pubblicità ha riportato). 41 dipendenti sono minacciati di perdere il lavoro. Il mezzo esisterà solo online e sarà ulteriormente sviluppato con un team editoriale di 15 persone. Il giornale domenicale Le Matin Dimanche non è interessato dai tagli. Tamedia ha giustificato la decisione all'inizio di giugno con "le continue perdite dell'edizione cartacea" di Le Matin. Nel 2017, il deficit della carta è stato di circa 6,3 milioni di franchi, e negli ultimi dieci anni è stato di 34 milioni di franchi. Il gruppo Tamedia ha registrato un utile di 170 milioni di franchi per l'anno scorso. (SDA/nod)

Immagine:Syndicom

(Visitato 23 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento