La piattaforma di whistleblower Observer ora permette la comunicazione anonima

Sichermelden.ch, la piattaforma whistleblower del Beobachter, offre ora agli informatori la possibilità di comunicare in modo completamente anonimo con la redazione. Il Beobachter è la prima azienda mediatica svizzera ad utilizzare questa tecnologia.

beobachter-t

Da quando il Beobachter ha lanciato la piattaforma whistleblower Sichermelden.ch nel giugno 2011, circa 2.400 segnalazioni hanno raggiunto la redazione. Sette anni fa, il Beobachter ha così colmato una lacuna per tutti quei whistleblower che non avevano modo di riferire in modo confidenziale le loro segnalazioni di illeciti nella loro azienda, organizzazione o autorità ad un ufficio interno all'azienda. Con la piattaforma criptata, l'Observer ha garantito la sicurezza e l'assoluta discrezione per gli informatori.

Tuttavia, il sistema precedente aveva lo svantaggio che i redattori dell'Observer non potevano mettersi in contatto con gli informatori anonimi. Così, spesso non è stato possibile verificare le informazioni caricate o fare domande su di esse. Il risultato: la ricerca di molti consigli interessanti non ha portato da nessuna parte.

Con il rilancio di Sichermelden.ch questa restrizione non sarà più applicabile. Ora, i membri della redazione dell'Observer possono anche contattare gli informatori che non lasciano né il loro indirizzo e-mail né il loro numero di telefono. Questo è reso possibile da una casella di posta cifrata. Verrà utilizzato un sistema della società zurighese Integrityline, che finora è stato usato principalmente da banche e uffici amministrativi. Il Beobachter è la prima azienda mediatica svizzera ad offrire questa tecnologia avanzata per proteggere gli informatori.

(Visitato 54 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento