Rapporti automatizzati: Keystone-SDA si affida all'intelligenza artificiale

La fusione tra Keystone e SDA intende espandere notevolmente il settore tecnologico e progetta rapporti automatizzati per i risultati sportivi a partire dal 2019. Ad oggi, il limite temporale per le nuove assunzioni non ha nulla a che vedere con ulteriori tagli.

keystone-sda-ai

La prima apparizione della leadership congiunta Keystone-SDA si è concentrata sull'importanza futura e sul potenziale di espansione delle nuove tecnologie. L'agenzia di stampa austriaca APA, in qualità di maggiore azionista e partner tecnologico, intende sostenere Keystone-SDA, tra l'altro, nell'espansione dei settori delle soluzioni IT per i clienti e della produzione aziendale.

Come esempio di una nuova soluzione, il nuovo vicepresidente di Keystone-SDA e presidente del consiglio di amministrazione dell'APA, Clemens Pig, ha parlato martedì a Zurigo di soluzioni app per i media svizzeri. Anche l'intelligenza artificiale semplificherà i flussi di lavoro editoriali in futuro.

Tipo meno

Come nuova soluzione concreta, il responsabile operativo della società risultante dalla fusione, Jann Jenatsch, ha menzionato il reporting automatizzato dei risultati sportivi. A partire dal 1° gennaio 2019, i redattori sportivi dovranno scrivere di meno. In questo contesto non sono previsti nuovi tagli di posti di lavoro, ha dichiarato Jenatsch.

Il nuovo Presidente del Consiglio di Amministrazione, Ueli Eckstein, che ha sostituito Hans Heinrich Coninx di Tamedia, vuole concludere al più presto la procedura di conciliazione con i rappresentanti dei lavoratori davanti alla commissione di conciliazione della Segreteria di Stato per gli Affari Economici (Seco).

Il Consiglio di amministrazione è rappresentato, tra gli altri, dal secondo nuovo vicepresidente di Keystone-SDA, Matthias Hagemann, presidente di Radio Basilisk. La prossima settimana si terrà una prima udienza separata per entrambe le parti davanti alla commissione di conciliazione.

Hagemann si è rammaricato che non sia stato ancora raggiunto un accordo, "anche se il generoso piano sociale è stato comunque aumentato". Ha sottolineato che il consiglio di amministrazione non ha potuto lavorare insieme ai sindacati sulla strategia e discutere l'entità della riduzione.

"L'oggetto delle trattative che stiamo conducendo è il piano sociale e la soluzione per i dipendenti anziani licenziati", ha detto Hagemann.

Nuovo assetto azionario

La fusione tra Bild e l'agenzia di stampa è entrata in vigore retroattivamente il 1° gennaio 2018. La fusione è avvenuta tramite uno scambio di partecipazioni. L'agenzia di stampa austriaca Austria Presse Agentur (APA) fa confluire nella nuova società la sua precedente partecipazione del 50% in Keystone. In cambio, APA riceve una quota del 30% di Keystone-SDA.

Gli attuali azionisti, gli editori svizzeri, riceveranno un dividendo di 12,4 milioni di franchi svizzeri. Secondo Eckstein, gli azionisti detengono ora le seguenti azioni: Tamedia 20,56%, NZZ 7,98%, SRG 7%, Media Suisse Lausanne 6,84% e altri media e organizzazioni 27,62%.

Come i suoi due predecessori, la nuova società Keystone-SDA rimane impegnata nel trilinguismo. Riconosce il carattere di servizio pubblico del servizio di base. Keystone-SDA continuerà a essere presente in tutte le regioni del Paese. (SDA)

Altri articoli sull'argomento