Leuthard sull'iniziativa No Billag: "Un incidente, uno schiaffo in faccia".

Dal punto di vista del ministro dei media Doris Leuthard, il risultato dell'iniziativa No Billag mostra che la popolazione è collegata alla radio e alla televisione pubblica. Il 71% di No è stato un risultato chiaro, ha detto domenica ai media a Berna.

no-billag-leuthard

Quando un'iniziativa viene respinta dal 71% o più, di solito si parla di un "crollo", uno "schiaffo in faccia". In tal caso, i promotori dovrebbero ammettere la sconfitta e "non presentarsi al Consiglio federale dieci minuti dopo con grandi richieste".

Il risultato mostra che l'elettorato vuole mantenere la radiodiffusione pubblica - e che sono disposti a pagare una tassa per essa. Nella campagna referendaria durata mesi, ci sono state anche rivendicazioni selvagge, ha detto Leuthard. Spera in un po' più di obiettività e di orientamento ai fatti nel prossimo futuro.

Nel complesso, tuttavia, tali discussioni sono un segno di una democrazia viva. Il Consiglio federale prende atto del risultato con soddisfazione, ha detto il ministro dei media. Ma questo non deve impedirci di pensare agli aggiustamenti necessari".

La consigliera federale Doris Leuthard parla ai media domenica a Berna.

Nuova legge sui media in lavorazione

Leuthard ha ricordato che il denaro delle tasse per la SRG sarà limitato a 1,2 miliardi di franchi dal prossimo anno. E ha confermato che il Consiglio federale intende inviare il progetto della nuova legge sui media elettronici in consultazione a metà anno. La legge attuale si concentra su radio e TV, ha notato. Ma il consumo di media via internet è in aumento.

In futuro, quindi, non solo le offerte radiofoniche e televisive ma anche quelle online dovrebbero poter essere considerate servizio pubblico e ricevere i soldi del canone. Il "canale" non è decisivo, ha detto Leuthard. L'importante è che ci sia un'offerta diversificata in tutte le regioni linguistiche che raggiunga il pubblico.

Il divieto di pubblicità online rimane

Allo stesso tempo, le offerte di media elettronici senza un mandato di prestazione sarebbero deregolamentate il più possibile. "Non vogliamo intervenire dove gioca il mercato", ha detto Leuthard. Ha anche sottolineato che il divieto di pubblicità online dovrebbe continuare ad essere applicato alla SSR.

Leuthard ha anche annunciato un'innovazione domenica: In futuro, una commissione indipendente sarà responsabile dell'emissione dei mandati di prestazione e delle licenze. L'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) lo ha fatto anche in modo indipendente, ha detto. Con l'innovazione, tuttavia, tutte le accuse di separazione impropria dovrebbero cadere.

Il ministro dei media ha anche commentato l'agenzia di stampa SDA. Si tratta di una "istituzione molto importante che contribuisce al fatto che abbiamo articoli di ottima qualità", ha detto il ministro dei media. Ha confermato che la SDA dovrebbe ricevere in futuro due milioni di franchi dal piatto delle tasse. Il Consiglio federale lo aveva proposto in una revisione dell'ordinanza. (SDA)

(Visitato 20 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento