Entrambe le parti chiedono la riforma della SSR e la definizione del servizio pubblico

Dopo il chiaro risultato del voto sull'iniziativa No Billag, c'è grande accordo tra sostenitori e oppositori sul fatto che la SSR deve essere riformata. Inoltre, il dibattito sul servizio pubblico dovrebbe essere continuato. Anche i politici sono chiamati ad agire.

no-billag-no-t

I sostenitori della petizione per un referendum non vedono il chiaro rifiuto dell'iniziativa come un fallimento della questione. Al contrario: il coiniziatore Olivier Kessler ha addirittura parlato a SDA-Video di un "grande successo, perché le 'tasse obbligatorie' potrebbero essere eliminate dal tabù".

Anche l'Associazione svizzera del commercio (SGV) interpreta il sì di un buon 28 per cento come un "chiaro colpo all'arco della SSR" e un chiaro mandato alla stessa. La SSR deve essere fondamentalmente riformata e ridimensionata, ha scritto l'associazione. Si aspetta anche che la SSR si ritiri dall'alleanza pubblicitaria Admeira. Questo porta a distorsioni della concorrenza nei confronti della stampa.

La SRG dovrebbe mantenere la sua promessa

Anche la consigliera nazionale dell'SVP di Zurigo Natalie Rickli vede il voto come positivo perché la discussione sulla SSR è stata lanciata, come ha detto a SDA. Durante la campagna referendaria, la SSR, il Consiglio federale e i partiti hanno fatto proposte e concessioni di politica mediatica - come l'abbassamento della tassa, il "dimagrimento della SSR" o l'abolizione della tassa sui media per le imprese.

Tutti i sostenitori chiedono che queste concessioni siano rispettate. "Ora è necessario agire", ha sottolineato la SVP nella sua dichiarazione. Inoltre, i sostenitori esigono che i politici definiscano ora cosa appartiene esattamente al servizio pubblico.

"La solidarietà ha la massima priorità"

Gli oppositori dell'iniziativa interpretano generalmente il risultato come un "chiaro impegno per un servizio mediatico di base" (Operazione Libero). Anche Martin Candinas, membro del Consiglio Nazionale CVP dei Grigioni, lo vede come "un chiaro segno che la solidarietà è molto importante in questo paese - sia che si tratti di solidarietà linguistica o di solidarietà con le minoranze sociali".

Lia Rumantscha, l'associazione di lingua e cultura retoromancia, lo interpreta allo stesso modo. Il risultato permette di continuare un progetto che sta sviluppando una strategia per una futura offerta mediatica completa in lingua romancia.

E Joachim Eder, membro del PLR di Zugo, è contento che "la lungimiranza e il buon senso del popolo" abbiano prevalso.

"Business as usual" indesiderabile

Anche se gli avversari sono sollevati, non vogliono che le cose continuino come prima. Il comitato "No to No Billag" non vede il "No" come una carta bianca per la SRG. Il loro compito è quello di fare spazio agli altri media. L'arroganza è fuori luogo, ha detto il consigliere nazionale del BDP Bernhard Guhl.

L'Associazione svizzera dei media (VSM) e l'associazione economica Economiesuisse hanno sottolineato che il chiaro risultato non deve nascondere la necessità di agire. Rimane necessario un dibattito sull'ampiezza e la profondità dell'offerta della SSR. La VSM chiede anche una chiara definizione del servizio pubblico della SSR. (Werbewoche.ch riportato).

Ridurre la potenza del SRG

Il PS chiede una maggiore protezione per i media. "Le soluzioni per un finanziamento ragionevole e sostenibile del nostro mondo dei media devono ora essere trovate", ha detto il presidente della SP Christian Levrat.

I Verdi Liberali chiedono anche una chiara separazione tra i contenuti finanziati con denaro pubblico e il resto dell'offerta. Nello sport e nello spettacolo, per esempio, la sussidiarietà deve avere la priorità. Ciò significa che i fornitori di media privati dovrebbero avere la priorità sulla SSR.

I Verdi, invece, vogliono che la SSR sia ristrutturata invece che smantellata. L'azienda dovrebbe distinguersi dai fornitori privati nella selezione dei suoi contenuti e difendere l'indipendenza, la qualità e l'innovazione. I Verdi vedono uno spazio di manovra nella pubblicità. Questo dovrebbe essere gradualmente ridotto a favore dei media privati.

Riprendere immediatamente il dibattito

Il dibattito sulla nuova realtà dei media deve essere continuato immediatamente nel quadro della nuova concessione della SSR e della legge sui media, ha dichiarato il presidente dei Verdi Liberali, Jürg Grossen.

Il voto è stato anche lungimirante per le stazioni radiofoniche e televisive private. L'Associazione delle stazioni radio private svizzere è sollevata di conseguenza. L'associazione della televisione regionale svizzera Telesuisse sottolinea anche che le critiche della popolazione sulla continua espansione delle emittenti pubbliche devono essere prese sul serio. (SDA)

(Visitato 40 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento