Il Ticino rimane un candidato traballante nel voto No Billag

La Svizzera italiana è quella che beneficia maggiormente del canone radiotelevisivo. Tuttavia, secondo il sondaggio GFS pubblicato mercoledì, un'accettazione dell'iniziativa No Billag in Ticino sembra possibile.

no-billag-ticino

Nella Svizzera italiana, la simpatia per il progetto di legge si sta accumulando, secondo lo studio dell'istituto di ricerca GFS-Bern. È ipotizzabile un voto di protesta grazie agli slogan "sì" di Lega e SVP.

Nel 2015, la nuova legge sul canone radiotelevisivo era già fallita in Ticino. Questo nonostante il fatto che la radio e la televisione in lingua italiana (RSI) - che trasmette non solo in Ticino ma anche nelle valli meridionali dei Grigioni - sia il secondo datore di lavoro dopo l'amministrazione cantonale.

Secondo le statistiche della SSR, la RSI impiega 1155 persone. Su un budget annuale di 239,2 milioni di franchi svizzeri, solo una piccola parte proviene dalle entrate pubblicitarie. Uno studio sul valore aggiunto pubblicato nel 2017 dall'istituto di ricerca economica BAK Basel ha mostrato che la RSI, invece, genera 213 milioni di franchi di valore aggiunto all'anno, poiché alimenta anche molti fornitori.

20 per cento dal reddito delle tasse

Con una popolazione di circa 350'000 persone, la Svizzera italiana rappresenta solo il 4,5% del totale della popolazione svizzera, ma la RSI riceve più del 20% dalle entrate del canone. Gestisce quindi due stazioni TV e tre stazioni radio in italiano. È anche partner di numerosi eventi culturali, come il Festival del Film di Locarno. Durante la campagna referendaria, il comitato "No-Billag" ha quindi fornito molte ragioni razionali per cui l'iniziativa dovrebbe essere respinta.

"Se l'iniziativa viene accettata, non ci sarà più la RSI", hanno detto gli oppositori, calcolando che questo minaccerebbe l'esistenza non solo dell'emittente e del suo personale, ma anche delle organizzazioni culturali.

Voto di protesta dalla pancia possibile

Ma come per molte votazioni, in Ticino questa volta la ragione pesa meno di una vaga sensazione viscerale servita dalla Lega dei Ticinesi. Fin dalla sua nascita, allora con il suo defunto presidente Giuliano Bignasca, ha inveito contro il sistema delle tasse come un ulteriore peso imposto al povero cantone meridionale dalla Svizzera tedesca.

Questo è ora anche l'argomento usato dai proponenti dell'iniziativa. Il canone è il più caro d'Europa, e questo per una "radio di stato e -" che non lavora nell'interesse della popolazione, ma per gli immigrati, ha criticato il consigliere nazionale Lorenzo Quadri nella sua recente apparizione televisiva.

Così facendo, predica a una gran parte della popolazione ticinese. Il tasso di povertà in Ticino è in aumento, il numero di persone dipendenti dall'assistenza sociale è aumentato di circa il 2,5% nel 2017, e la sensazione di pressione economica costante rende ogni ulteriore tassa uno spettro.

Ma anche la Lega e la SVP non sono unanimi. Marco Borradori, presidente della Lega di Lugano, ha detto a SDA che se l'iniziativa venisse accettata, non solo si perderebbero i posti di lavoro di RSI a Comano, comune limitrofo a Lugano, ma anche quelli dei suoi fornitori.

La popolazione è vicina alle emittenti private

Per tutte le ragioni della ragione, si presta relativamente poca attenzione al sentimento popolare. Nella Svizzera meridionale, questo è vicino alle stazioni private giovani e molto attive. L'esempio più recente è stato quello di Radio3i, dove due presentatori sono riusciti a battere il record mondiale di presentazione continua.

Sembrava che tutto il cantone facesse il tifo per lui. Più di mille persone si sono riunite davanti all'edificio della radio e hanno aspettato lì fino a quando il record - più di ottanta ore di moderazione non-stop - è stato battuto. In seguito ci sono stati abbracci lacrimosi e una lunga celebrazione. Rispetto a un'emittente così attiva, la RSI appare più distaccata, burocratica e fuori dal mondo, anche quando organizza concerti con le star. (Barbara Hofmann/SDA)

(Visitato 41 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento