Spettatori e non paganti di Billag: annunci Billag a un livello record

Manca la morale del pagamento dei canoni di ricezione della radio e della televisione: Molti utenti stanno evitando di pagare le tasse, come riporta la SonntagsZeitung sulla base di cifre inedite.

billag-mahnng

Anche senza "No Billag", numerose famiglie evitano di pagare il canone radiotelevisivo. Da un lato, gli ultimi dati di Billag mostrano che nel 2017 l'agenzia di riscossione delle tasse ha presentato un totale di 2247 rapporti per "sospetto di un'infrazione all'obbligo di registrazione". Questo riguarda gli spettatori neri che non hanno registrato i loro dispositivi o li hanno registrati in modo errato e sono stati sorpresi dagli ispettori. Questo numero è tre volte superiore a quello del 2012. La proporzione di persone che hanno registrato solo un dispositivo ma consumano sia la radio che la TV è particolarmente alta. Prima che qualcuno venga denunciato, Billag lo informa più volte e sottolinea la necessità di registrare entrambi i media.

La visione in nero può essere costosa: Possono essere inflitte multe fino a 5000 franchi svizzeri.

Oltre a questo reato, c'è un secondo gruppo: i non paganti. Registrano i loro dispositivi correttamente, ma poi non pagano il conto. Billag ha inviato 5,2 milioni di fatture nel 2017 - e un totale di un milione di solleciti, che hanno richiesto un importo di 335 milioni di franchi. Il 10% di tutte le bollette inviate non viene pagato subito.

Anche il numero di solleciti inviati è proporzionalmente molto più alto che in passato. Nel 2010, Billag inviava ancora 12 milioni di bollette (dato che venivano inviate trimestralmente) - ma il numero di solleciti era lo stesso del 2017, cioè un milione.

In 61.000 casi nel 2017, i solleciti non sono serviti a nulla, per cui Billag ha avviato una procedura di recupero crediti.

Chiunque debba ancora dei soldi a Billag e spera che il credito diventi superfluo dopo un eventuale Sì all'iniziativa No Billag spera invano: una parte di Billag esisterebbe ancora nel 2019 per riscuotere i debiti insoluti per conto della Confederazione. Se gli importi sono ancora dovuti dopo questo, i casi saranno consegnati a Bakom. (hae)

(Visitato 24 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento