"Il modo sbagliato": Hotelleriesuisse mette in guardia contro l'iniziativa No Billag

La direzione di Hotelleriesuisse si oppone all'iniziativa "No Billag". Temono che se l'iniziativa fosse accettata, la diversità dei media, importante anche per il turismo, e le regioni periferiche cadrebbero nel dimenticatoio.

hotellerie-suisse

Non solo l'esistenza delle grandi compagnie radiofoniche e televisive sarebbe in pericolo nel caso di un'accettazione, ma anche quella delle 34 stazioni radiofoniche e televisive regionali, scrive Hotelleriesuisse. Queste stazioni ricevono quote importanti dal reddito del canone e assicurano la diversità regionale nel panorama dei media.

Se l'iniziativa venisse adottata, anche le comunità linguistiche più piccole e le regioni periferiche e di montagna sarebbero colpite negativamente, è convinto l'associazione, secondo un comunicato. La SSR, con la sua area di trasmissione nazionale, dà un importante contributo alla coesione del paese e a un'informazione neutrale. I fornitori puramente privati perseguono principalmente interessi commerciali e si concentrano su programmi sportivi e di intrattenimento.

"I programmi turistici o culturali che si rivolgono al segmento degli ospiti nazionali e stranieri non riceverebbero quasi più le piattaforme necessarie", è convinto il presidente dell'associazione Andreas Züllig.

Inoltre, non si può presumere che le offerte dei fornitori privati saranno più favorevoli in futuro. Per questi motivi, il comitato esecutivo di Hotelleriesuisse ha deciso all'unanimità di votare contro la proposta nel referendum del 4 marzo 2018. (pd/hae)

(Visitato 26 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento