Servizio-pubblico-Conferenza: I media in cerca di strade per il futuro

Le aziende dei media stanno cercando modi per assicurare il loro futuro per una serie di ragioni. Alla conferenza di Service Public, il nuovo direttore generale della SRG Gilles Marchand ha fatto appello alla solidarietà e alla cooperazione nel settore. Crede nelle soluzioni pragmatiche. I suoi oppositori, d'altra parte, consigliano urgentemente alla SSR di esercitare l'autocontrollo.

gilles_marchand_neuer_srg_generaldirektor1x

Marchand, che è direttore generale della SRG da ottobre, ha parlato nella sua prima conferenza pubblica martedì a Berna di uno tsunami che sta attanagliando l'intero settore. La SSR è sotto la pressione dell'iniziativa No Billag, che sarà messa ai voti a marzo, più che mai nella sua storia.

"Ha bisogno della SRG"

Ma anche le stazioni radiofoniche e televisive private, che sono cofinanziate dal canone, sono colpite, ha detto Marchand. Anche tutta la stampa è sotto pressione, anche se per ragioni diverse. Il loro denaro pubblicitario scorre sempre più verso le piattaforme digitali. La diversità dei media nel suo insieme è quindi in pericolo. Per la Svizzera, con le sue quattro lingue nazionali, la diversità culturale e la democrazia diretta, un paesaggio mediatico diversificato e il dinamismo del settore sono indispensabili. Un servizio pubblico forte è quindi necessario, e con esso la SSR con le sue offerte in tutte e quattro le lingue nazionali. Marchand ha parlato di soluzioni pragmatiche che l'industria deve cercare insieme. La SRG vede opportunità di cooperazione sotto forma di coproduzioni, per esempio.

Non un disastro

Le società di media private, d'altra parte, non hanno intenzione di serrare i ranghi. "Anche noi vogliamo media di alta qualità in questo paese. Vogliamo anche la diversità dell'offerta e delle opinioni", ha detto Peter Wanner, vicepresidente dell'Associazione svizzera dei media e editore e presidente di AZ Medien, che pubblica tra l'altro la "Aargauer Zeitung". Tuttavia, il settore privato non è d'accordo con le condizioni quadro. L'Associazione svizzera dei media non ha ancora preso ufficialmente posizione sull'iniziativa No Billag. "Non siamo contenti della situazione attuale", ha detto Wanner. La SSR è troppo grande, troppo dominante, ha detto. "La mentalità etatista nella politica mediatica svizzera mi preoccupa. La gente non discute le distorsioni del mercato. Le aziende private dovrebbero solo vedere come fanno a sbarcare il lunario", ha detto Wanner. Tuttavia, l'Associazione svizzera dei media considera l'iniziativa troppo radicale. Ma: "Un Sì non sarebbe una catastrofe", ha detto Wanner. Dopo un voto per il Sì, la palla tornerebbe probabilmente al parlamento, e ci sarebbero aggiustamenti legali. Sarebbe possibile un sostegno ai programmi parziali del SSR. D'altra parte, la SRG dovrebbe essere rilasciata nel mercato, ci sarebbero stazioni a pagamento e quindi tasse volontarie. Inoltre, si potrebbe dare alla SSR un margine di manovra imprenditoriale attraverso la pubblicità. "Non pensiamo che le luci si spegneranno", ha detto Wanner.

La digitalizzazione alla riscossa

Per lui, un SRG con funzioni supplementari sarebbe l'ideale. Uno studio commissionato dall'Associazione svizzera dei media mette anche in guardia contro troppi servizi e regolamentazioni statali. Le attuali incertezze non dovrebbero essere affrontate semplicemente con il denaro, ha detto Patrick Zenhäusern, responsabile del traffico e della comunicazione presso Polynomics, che ha preparato lo studio. Vede lo scenario di salvezza per l'intera industria nella pura digitalizzazione, sapendo bene che questa è attualmente una possibilità puramente ipotetica. Perché ci vorrebbero da 10 a 20 anni per i media per creare nuove offerte e riorganizzare i loro processi, ha detto Zenhäusern. Se i media fossero prodotti, consumati e pagati solo digitalmente, le aziende dei media avrebbero costi di produzione e distribuzione più bassi. Oggi, la stampa e la distribuzione rappresentano circa la metà dei costi di un quotidiano abbonato, ha spiegato Zenhäusern. Se i costi fossero più bassi, anche le barriere all'entrata nel mercato sarebbero più basse e la concorrenza sarebbe quindi maggiore. Questo si tradurrebbe in una maggiore diversità dei media, di cui i lettori beneficerebbero. Gli autori dello studio presuppongono un interesse altrettanto alto per l'informazione. Le nuove offerte digitali incontreranno quindi una risposta positiva. In prodotti appena annunciati come la rivista online Republik, CNN Money Svizzera o Virgin Radio, gli autori vedono i precursori dello sviluppo digitale. (SDA)

Foto: SRG

(Visitato 36 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento