Ecco quanto è "accogliente" il mondo dei media svizzeri

Era il termine della serata: il mondo dei media svizzeri - sia nel campo del giornalismo che in quello delle relazioni pubbliche - rifugge dal confronto, si mette un po' in disparte e tutto sommato è "un po' coccolone".

communication-summit-2017-so-kuschelig-ist-die-schweizer-medienwelt

Il termine "coccolone" è stato coniato da Markus Wiegand, caporedattore di "Schweizer Journalisten" dal 2005 al 2015, in occasione del Communication Summit di quest'anno a Zurigo, organizzato dalla ZPRG (Zürcher PR Society) e dalla ZPV (Zürcher Press Association).

L'ex giornalista del "Financial Times" Haig Simonian aveva già colpito note simili nel suo discorso di apertura, anche se in un modo piuttosto britannico e riservato. L'industria svizzera delle PR è molto frammentata e quindi poco efficace. I grandi uffici internazionali sono piuttosto assenti qui, e le molte maschere individuali farebbero bene a fondersi in agenzie potenti e professionali. Il giornalismo svizzero è anche "un po' lento", il che rende il futuro difficile di fronte alle due grandi sfide della globalizzazione e della digitalizzazione, ha avvertito.

La scena svizzera, tuttavia, non è in cima alla lista quando si tratta di "intimità", come ci ha detto Gerlinde Manz-Christ tra il divertimento generale. Come responsabile dei media del governo del Liechtenstein all'epoca, le fu dato il compito di scrivere un'intervista a tutta pagina con il presidente del governo per un giornale locale - in altre parole, di inventarla dall'inizio alla fine - proprio all'inizio del suo lavoro lì.

comsum2017_1832

Sembra altrettanto strano che l'ex caporedattore del "Blick" Ralph Grosse-Bley si ricordi che doveva far correggere tutte le dichiarazioni, specialmente quelle dei politici. Anche se questo viene apparentemente tentato anche in Germania, se un interlocutore esagera, può anche portare a non dare seguito a questa richiesta. Haig Simonian poteva solo scuotere la testa: Questo non è affatto comune in Inghilterra. La diplomatica d'affari di oggi, Gerlinde Manz-Christ, è stata un po' meno dura e ha sottolineato che non avrebbe ottenuto nulla se avesse spinto la gente sopra la testa.

La vivace e stimolante discussione condotta dal presentatore televisivo Reto Lipp ("Eco") sotto il titolo "Communication Switzerland - The Outsider's View" ha reso chiaro che il mondo della comunicazione è cambiato profondamente negli ultimi dodici anni e continuerà a cambiare rapidamente. Tutti devono adattarsi a questa situazione se vogliono continuare ad avere qualcosa da dire. "Il tempo della carta stampata è finito", ha detto Ralph Grosse-Bley, ma tutti erano d'accordo che i giornalisti continueranno ad essere necessari per mettere gli eventi in un contesto più ampio - in qualsiasi media. (ZPV)

(Visitato 49 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento