Nuovi azionisti a La Liberté

La Banca Cantonale di Friburgo e la società energetica Groupe E prendono una partecipazione nella tipografia Paulus di Friburgo e nel quotidiano La Liberté. Gli unici azionisti precedenti, le sorelle Paulus, vendono loro un terzo delle loro azioni.

Vendendo le azioni alle due società della regione, le sorelle del Pauluswerk sperano che lo spirito e l'indipendenza del quotidiano friburghese saranno conservati. Questo emerge da una lettera della comunità sorella pubblicata su La Liberté mercoledì.

Tre anni fa, le sorelle hanno annunciato la loro intenzione di ritirarsi a medio termine dal business dei giornali. La ragione di ciò è l'età media sempre crescente delle sorelle e la mancanza di sangue nuovo.

La sede dell'ordine a Roma deve ancora dare formalmente il via libera alla vendita delle azioni, come ha annunciato la St Paul Holding in un comunicato di mercoledì. Le Suore di San Paolo hanno unito diverse aziende sotto l'ombrello della holding.

Nessun salvataggio nella crisi

Al momento opportuno, la Banca Cantonale di Friburgo e il Groupe E rileveranno il pacchetto azionario in parti uguali. Per il loro ingresso nel business dei giornali, le due società hanno fondato una holding chiamata Sofripa.

L'editore de La Liberté, Thierry Mauron, scrive nell'edizione di mercoledì che la situazione finanziaria della società è sana. Non si tratta di salvare un quotidiano in crisi. Il caporedattore Louis Ruffieux è soddisfatto che le decisioni sul futuro de La Liberté continueranno ad essere prese a Friburgo. Il giornale è pubblicato quotidianamente in circa 40'000 copie.

Escludere l'influenza

Dominique Gachoud, direttore di Groupe E, ha detto mercoledì che la società energetica non era interessata ad acquisire uno strumento di comunicazione. La motivazione dell'adesione a La Liberté è quella di assicurare la sua esistenza. L'azienda si aspetta un certo profitto dal suo investimento.

Martial Pasquier, presidente del consiglio di amministrazione di Paulusdruckerei e La Liberté, ha anche detto che le due società hanno escluso qualsiasi influenza sul contenuto del giornale.

Sia il Groupe E che la Banca Cantonale di Friburgo sono società semipubbliche: Il Cantone di Friburgo detiene il 100 per cento delle azioni della banca e il 78,5 per cento di quelle del Groupe E.

Apertura supplementare prevista

La vendita di un terzo delle azioni alla banca e alla società energetica è solo il primo passo verso un'ulteriore apertura dell'azionariato, secondo l'annuncio della St. I due nuovi azionisti hanno accettato di rilevare un secondo terzo delle azioni insieme ad altri partner. Questi partner possono essere aziende, ma anche il pubblico in generale.

Altre offerte rifiutate

Il gruppo francese Hersant e un'altra società, che non è stata nominata, erano anche interessati alle sorelle della Pauluswerk. Non era Tamedia, che stamperà La Liberté a Berna da gennaio. Entrambe le offerte non sono state considerate. 

(Visitato 42 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento