Rocchi combatte

Il giornalista Ludovic Rocchi e il giornale Le Matin hanno presentato una denuncia contro le perquisizioni domiciliari ordinate dalla magistratura di Neuchâtel la settimana scorsa. I dati sono stati confiscati durante l'operazione.

Con la denuncia, Rocchi e il giornale vogliono esprimere la loro "opposizione unita ai metodi di lavoro del pubblico ministero Nicolas Aubert". La protezione dei dati è un principio che il giornale non negozierà, ha dichiarato Le Matin in un comunicato stampa venerdì. Durante le perquisizioni del 13 agosto, è stato sequestrato anche materiale appartenente alla moglie del giornalista. Il giornale Le Matin mette in discussione l'operato della magistratura.

Domande sull'approccio della magistratura

Ci si chiede giustamente se il pubblico ministero non abbia voluto dare una lezione a un giornalista troppo dirompente per le autorità di Neuchâtel, ha detto Eric Hoesli, direttore delle pubblicazioni di Tamedia nella Svizzera occidentale. nLudovic Rocchi stesso ha commentato il caso sul giornale di Syndicom, il sindacato dei media e della comunicazione: "Stanno cercando di spaventare la gente perché smetta di parlare con la stampa". L'associazione dei giornalisti Impressum ha parlato di una palese violazione della libertà di stampa. Sul sito web della rivista Edito+Klartext, l'ex presidente del Consiglio della Stampa, Peter Studer, ha descritto il "raid" nell'appartamento del giornalista come scandaloso, sproporzionato e una limitazione della libertà dei media.

Serie di articoli sulle accuse di plagio all'Università di Neuchâtel

Il motivo delle perquisizioni era una causa contro Rocchi per diffamazione, calunnia e violazione del segreto d'ufficio. Un professore dell'Università di Neuchâtel è dietro la causa. Gli articoli di Rocchi sul professore avevano portato il Consiglio di Stato di Neuchâtel a decidere in primavera di avviare un'indagine amministrativa sulle accuse di plagio alla facoltà di economia dell'Università di Neuchâtel. La settimana scorsa, Monika Maire-Hefti, la direttrice dell'istruzione di Neuchâtel, ha annunciato che avrebbe portato avanti l'inchiesta amministrativa. Il rapporto sulle accuse di plagio potrebbe essere disponibile già alla fine di agosto. (SDA)

Immagine: Gazzetta.tdg.ch

(Visitato 18 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento