Albert Polo Stäheli è "Media Manager dell'anno

Alla vigilia del Congresso svizzero degli editori a Flims, la rivista di settore Schweizer Journalist premia il CEO della NZZ Albert Polo Stäheli come "Media Manager dell'anno".

Albert Polo Stäheli è riuscito in pochissimo tempo a trasformare un'azienda decentralizzata in un'unità potente. Utilizzando coerentemente le sinergie e le cooperazioni, ha messo il gruppo su una solida base economica e sta dando così anche al giornalismo un pezzo di futuro in casa, ha detto Markus Wiegand, caporedattore di Journalist, spiegando la decisione.

Il 61enne Stäheli è diventato membro del comitato esecutivo della Berner Zeitung AG nel 1981. Nel 1987 ha assunto la direzione della divisione media del Berner Tagblatt Mediengruppe BTM. Nel 1993 è diventato CEO di Espace Media Groupe e, dopo la fusione con Tamedia nel 2008, membro del comitato esecutivo di Tamedia. Nel settembre 2008, Stäheli è passato al gruppo NZZ come CEO.

L'anno scorso è stata premiata Valérie Boagno (Le Temps). Gli altri premiati: 2009 Pietro Supino e Martin Kall (Tamedia), 2008 Ralph Büchi (Springer), 2007 Théo Bouchat (Edipresse), 2006 Peter Wanner (AZ Medien).

La giuria era composta da Josefa Haas (direttrice dell'Istituto Media Swiss Press), Maili Wolf (Dr. Maili Wolf Consulting, Media and Communication), Karl Vögeli (Vögeli Medienconsulting), Marco de Stoppani (ex direttore editoriale della NZZ), Valérie Boagno (come Media Manager of the Year 2010) e Markus Wiegand (giornalista svizzero).

(Foto: Nzzmediengruppe.ch)
 

Altri articoli sull'argomento