Apple fa causa ad Amazon per il nome "App Store

Una nuova disputa è scoppiata tra i giganti del business in espansione con programmi per smartphone e tablet. Se Apple avesse la sua strada, al più grande rivenditore online del mondo Amazon dovrebbe essere vietato l'uso del nome "Appstore".

In una causa presentata già venerdì, secondo i rapporti dei media statunitensi, Apple rivendica i diritti di marchio sul nome "App Store" per una piattaforma di download di software. L'anticipo è arrivato giusto in tempo per il lancio del servizio di Amazon questo martedì. Il rivenditore online vuole offrire programmi per il sistema operativo Android di Google nel suo "Appstore", inizialmente solo per gli utenti negli Stati Uniti.

Apple ha lanciato il suo App Store con applicazioni per dispositivi con il sistema operativo iOS, come iPhone e iPad, nel 2008 e ha richiesto i diritti di marchio per il nome. L'US Patent and Trademark Office li ha già concessi, ma il concorrente Microsoft sta contestando la decisione. Nel frattempo, Apple ha ampliato l'App Store per includere programmi per i suoi computer Mac.

Amazon chiama la sua piattaforma "Appstore", scritta come una sola parola. Ora Apple sta accusando il rivenditore online di aver violato i suoi diritti di marchio e sta chiedendo danni per un importo non specificato.
 

(Visitato 16 volte, 2 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento