Cosa significa in realtà "prevalenza"?

Benno Maggi lo spiega nella sua rubrica "Cosa significa... in realtà?". spiega termini del campo del marketing e della comunicazione. Questa volta si occupa della "prevalenza".

Ai pubblicitari piace usare parole di altre industrie. Oltre all'industria finanziaria, l'aviazione e la sanità sono fonti popolari per questo.

La prevalenza ha origine da quest'ultima. Si riferisce alla proporzione di una popolazione che è affetta da una certa condizione - che si tratti di covidi, influenza o AIDS. Questo tasso è calcolato rapportandolo al numero totale di persone considerate; rappresentato come frazione, percentuale o numero di casi.

Nelle ricerche di mercato e nel marketing, il termine è stato finora usato soprattutto dai nerd delle statistiche in relazione all'alta prevalenza di un gruppo target, agli annunci cliccati o ai prodotti venduti. Attualmente, però, a causa dell'onda omicron - o muro, a seconda delle statistiche a cui si crede - appare sempre più frequentemente nelle agenzie di pubblicità, nei media e nella comunicazione.

Chi altro ne uscirà?

Mano sul cuore: la prevalenza era prima incomprensibile per molti. E forse lo è ancora oggi. Ma in un'epoca in cui tutto nel marketing deve diventare virale, nessuno vuole regalarsi. Ecco perché le dichiarazioni sulla prevalenza nelle sale riunioni o nelle telefonate sono sempre accolte da facce serie o da cenni di assenso, senza averne la minima idea.

Ecco un tentativo di spiegazione: Prevalenza significa la risposta alla domanda "Quanti del gruppo 'Bärli' hanno i capelli biondi?". - All'asilo, tutti urlano selvaggiamente numeri o nomi. Più tardi, a scuola, le grida diventano ancora più confuse perché sono integrate da affermazioni come "2 su 11" o "ogni terzo", "metà", "20%" o sfacciatamente "ich nöd". Questa accozzaglia di dichiarazioni è familiare a tutti i cittadini doverosi che oggi fanno uno sforzo per informarsi su cose come i sintomi, l'isolamento o il test PCR.

Le agenzie con esperienza in campagne di prevenzione - e ce ne sono parecchie nel paese - hanno imparato il termine nei testi di gara o nelle sessioni di briefing molto prima di chiunque altro. Pertanto, ci si deve aspettare che anche questo venga comunicato in modo comprensibile! Il solo Ufficio federale della sanità pubblica spende quasi 20 milioni di franchi all'anno per queste campagne. Covid escluso, questo aggiungerebbe altri 36 milioni di franchi. La buona notizia per i contribuenti confusi: Anche se questa cifra sembra alta, la prevalenza rispetto alla spesa totale per contenere la pandemia è bassa.


Benno Maggi è co-fondatore e CEO di Partner & Partner. Ha origliato l'industria per oltre 30 anni, scoprendo per noi parole e termini che possono essere usati per chiacchiere, pomposità, eccitazione, giocare a Scarabeo o semplicemente perché.

(Visitato 414 volte, 1 visite oggi)

Altri articoli sull'argomento