Cosa significa in realtà "contenitore"?

Benno Maggi lo spiega nella sua rubrica "Cosa significa... in realtà?". termini del campo del marketing e della comunicazione. Questa volta condivide i suoi pensieri sul sostantivo "contenitore".

Was bedeutet eigentlichPer le persone che vivono in Svizzera, il contenitore viene di solito associato ai rifiuti. E per i nuovi residenti, fa rizzare i capelli in testa, perché comporta anche la paura di essere sospettati di aver messo fuori il contenitore nel giorno sbagliato e/o di averlo riempito con sacchetti di rifiuti illegali.

Nell'ambiente commerciale, i container sono conosciuti in particolare nell'industria dei trasporti e della logistica come grandi contenitori standardizzati con i quali le merci possono essere trasportate in modo flessibile su un'ampia varietà di mezzi di trasporto. Per gli informatici, i container rappresentano la soluzione al problema di far fronte ad applicazioni sempre più complesse e alla relativa tensione sull'infrastruttura, i processi e il team IT.

E improvvisamente il contenitore appare anche nella nostra industria. Perché, in realtà?

Distinguere la spazzatura dall'importante

"Sarebbe meglio fare un contenitore settimanale per questo" o "Abbiamo contenitori fissi per questo tipo di contenuto" è quello che si sente sempre più spesso di recente nel dialogo tra clienti e team di agenzie esterne. Quello che i consulenti hanno messo insieme sui grafici PowerPoint è davvero così brutto che dovrebbe essere eliminato immediatamente?

Non abbiate paura! Se finora solo gli sviluppatori hanno combinato le loro applicazioni e le loro dipendenze in contenitori, recentemente anche i project manager hanno iniziato a farlo: chiamano brevi intervalli di tempo per riunioni orientate agli obiettivi e mettono insieme pacchetti chiaramente definiti per i contenuti sui singoli canali - contenitori, in altre parole - in modo che non vengano sprecate intere giornate in videochiamate e riunioni e vengano prodotti moduli di contenuto incompatibili.
La ragione di questo è probabilmente che i responsabili dei progetti di marketing e comunicazione - come i programmatori - sperano anche di risparmiare notevoli risorse. Quello che purtroppo si dimentica nel processo: i contenitori hanno anche bisogno di un po' di ordine a volte. Per esempio, che si svolgano nel giorno giusto, cioè quando le competenze decisionali sono disponibili. O tradotto liberamente: Se non c'è la possibilità di smaltire il contenuto o se si scelgono i contenitori sbagliati in cui riporre il contenuto giusto, si incorre in un rimprovero. Che sia dai clienti, dai capi o dai vicini.


Benno Maggi è co-fondatore e CEO di Partner & Partner. Ha origliato l'industria per oltre 30 anni, scoprendo per noi parole e termini che possono essere usati per chiacchiere, pomposità, eccitazione, giocare a Scarabeo o semplicemente perché.

(Visitato 309 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento