Swatch cavalca l'onda del successo con Moonswatch

Swatch ha scatenato un vero e proprio boom di richieste con il Moonswatch. Questo è uno dei motivi per cui il gruppo orologiero di Bienne è tornato a crescere nella prima metà dell'anno, nonostante il calo delle vendite in Cina.

Moonswatch
(Immagine: Swatch.com)

Swatch è diventato più silenzioso negli ultimi anni, ma dopo il lancio di diversi modelli Moonswatch alla fine di marzo, tutti parlano di nuovo del marchio. Le lunghe code davanti ai negozi Swatch lo testimoniano e non si sono ridotte negli ultimi tre mesi.

"La domanda quotidianamente crescente sui mercati supera di gran lunga i prodotti disponibili", ha annunciato giovedì Swatch in concomitanza con i risultati semestrali. Il Moonswatch era quindi già esaurito poco dopo l'ultima consegna. I rispettivi colori dell'orologio rappresentano i diversi pianeti e altri corpi celesti come il sole, la luna e Plutone.

Strategia di marketing intelligente

Il fatto che il Moonswatch abbia suscitato tanto clamore ha a che fare con un'abile strategia di marketing. Il Moonswatch, frutto della collaborazione tra i due marchi Swatch e Omega appartenenti al gruppo, è in vendita in soli 110 negozi dello Swatch Group al prezzo di 250 franchi al pezzo. "Se volete comprarne uno, dovete venire da noi", ha dichiarato di recente Nick Hayek, CEO del Gruppo. Handelszeitung ha detto.

Secondo Swatch, la disponibilità dell'orologio è ancora più esclusiva di quella dei marchi di lusso del gruppo, Breguet, Blancpain o Glashütte Original, perché i clienti possono acquistarlo solo in negozi selezionati. Anche se gli undici orologi di colore diverso sono stati ampiamente pubblicizzati sui social media, Swatch non intende vendere il Moonswatch online in futuro. Nei mesi di luglio e agosto, tuttavia, la distribuzione sarà ampliata di 25 negozi.

Dall'inizio della scorsa settimana, anche undici Fiat 500 colorate hanno intrapreso un viaggio attraverso l'Europa, vendendo gli orologi lungo il percorso. Anche in questo caso, tuttavia, Swatch crea deliberatamente una suspense: la destinazione esatta del viaggio rimane un segreto.

Crescita nonostante il blocco della Cina

Swatch si riserva inoltre di indicare quanto il Moonswatch abbia contribuito alle vendite del gruppo nella prima metà dell'anno. L'aumento è stato del 7,4%, per un totale di 3,61 miliardi di franchi svizzeri. Questo nonostante il fatto che la domanda di orologi e gioielli in Cina, dove Swatch realizza normalmente circa il 40% delle sue vendite, sia crollata completamente in aprile e maggio a causa del blocco di Corona.

Le chiusure in Cina sono costate a Swatch un totale di 400 milioni di franchi svizzeri di vendite. D'altra parte, l'Europa, le Americhe e il Medio Oriente hanno registrato una crescita delle vendite a due cifre, mentre la guerra in Ucraina ha influito sulle vendite del Gruppo per meno dell'1%.

L'utile operativo EBIT è addirittura salito di un quarto a 503 milioni di franchi svizzeri nei primi sei mesi dell'anno. Il margine corrispondente è del 13,9% dopo l'11,9% dell'anno precedente. Sotto la linea, l'utile è salito a 320 milioni di franchi svizzeri dopo i 270 milioni precedenti.

Fiducia per l'intero anno

Nonostante le tensioni geopolitiche e il crollo della domanda sul mercato cinese, importante per l'industria orologiera, Swatch è fiduciosa per l'intero anno. A questo dovrebbe contribuire anche "l'aumento quotidiano della domanda" di Moonswatch.

Il Gruppo continua a prevedere una crescita delle vendite a due cifre in valuta locale per l'anno in corso. Nella seconda metà dell'anno, Swatch vede prospettive di crescita "estremamente positive" per tutti i segmenti di prezzo. A livello regionale, la crescita maggiore è prevista nelle Americhe, in Asia e nella Cina continentale. (SDA/swiMoonswatch)

(Visitato 428 volte, 1 visita oggi)

Altri articoli sull'argomento